Ubs, utile netto a 3,17 miliardi di franchi

Ubs LogoUbs ha reso noto di aver chiuso l’anno con una solida performance per il quarto trimestre, ottenuta malgrado la permanenza di volatilità nei mercati e una riduzione dell’attività dei clienti nel corso della fine del periodo di tre mesi.

Tutte le divisioni di Ubs, spiega una nota, hanno registrato risultati solidi per l’esercizio in rassegna, a dimostrazione del fatto che il modello operativo è dotato della flessibilità necessaria per adattarsi ed avere successo in diverse condizioni di mercato.

L’utile netto registrato è stato di 3,17 miliardi di franchi, contro una perdita netta di 2,48 miliardi nel 2012.

L’utile prima delle imposte ha raggiunto i 3,27 miliardi di franchi, contro -1,79 miliardi dell’anno prima. Tenendo conto di fattori eccezionali, l’utile netto è cresciuto a 4,1 miliardi.

Il risultato si situa nella parte alta della gamma prevista dagli analisti, che stimavano un utile netto compreso tra 2,55 e oltre 3 miliardi.

Evocando i risultati, il direttore generale dell’istituto, Sergio Ermotti, si è rallegrato in particolare del solido andamento degli affari nel quarto trimestre, con un utile netto di 917 milioni di franchi, contro 577 tre mesi prima. “Siamo riusciti a ridurre i rischi, a realizzare una performance durevole e a progredire anche in materia di fondi propri”, ha spiegato Ermotti.

Alla fine di dicembre Ubs registrava un rapporto del capitale di prima categoria (CET1) secondo la regolamentazione di Basiea III del 12,8%, pari a 300 punti base in più rispetto a un anno prima. La banca aveva fissato l’obiettivo dell’11,5%.

Nel 2013 tutte le divisioni hanno realizzato guadagni ad ogni trimestre. Nel settore chiave della gestione patrimoniale, l’afflusso netto di nuovi capitali ha raggiunto quota 53,5 miliardi, 6,6 miliardi in più che nel 2012.

Ubs, utile netto a 3,17 miliardi di franchi ultima modifica: 2014-02-05T10:51:52+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA