Unicredit potenzia il segmento private banking

Unicredit LogoUnicredit punta a rafforzare la propria strategia nel private banking e ad ampliare i propri servizi dedicati ai clienti con patrimoni rilevanti, in un mercato sempre più orientato da business con un alto ritorno sul capitale.

Sotto la guida del country chairman Italy Gabriele Piccini, spiega una nota, verrà potenziato il segmento private banking e verrà creato il nuovo segmento wealth management, riservato alla clientela con disponibilità finanziarie superiori ai 5 milioni di euro.

Il segmento private, con asset per oltre 90 miliardi di euro, punta a consolidare la leadership nel mercato italiano, attraverso l’inserimento di ulteriori 200 bankers, con l’obiettivo di superare i 100 miliardi di patrimonio gestito al 2018.

Nel settore wealth management, la società Cordusio Sim svolgerà la funzione di hub dedicato per offrire tutti i servizi di consulenza e gestione degli investimenti, utilizzando anche le società del Gruppo già operanti in Uk (Trust), Lussemburgo e Italia (Cordusio Fiduciaria).

La società, che avrà brand autonomo rispetto alla banca commerciale, opererà con 7 filiali specializzate e conterà su circa 100 Senior Banker, selezionati internamente ed esternamente al Gruppo, che serviranno i clienti con più di 5 milioni di euro di patrimonio finanziario, puntando a gestire asset complessivi per oltre 30 miliardi di euro al 2018.

Alla guida della società sarà Paolo Langè, che apporterà al Gruppo le competenze e il know-how pluriennali sviluppati nel corso della sua esperienza di manager e imprenditore nel settore, in qualità di futuro azionista e ceo di Cordusio Sim.

Leggi il comunicato

Unicredit potenzia il segmento private banking ultima modifica: 2015-07-02T14:38:36+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA