Unicredit: utile netto in crescita di oltre 600 milioni di euro. Cresce il segmento prestiti nell’area euro

Il risultato di gestione, pari a 5,6 miliardi, è aumentato del 3,1% (+3,6% a cambi e perimetri costanti) rispetto allo stesso periodo del 2010. Il risultato netto di gestione, che include le Rettifiche nette su crediti, mostra una decisa crescita (+989 milioni, +51,3%) e si attesta a 2,9 miliardi.

L’utile lordo dall’operatività corrente si attesta a 2.573 milioni con un aumento del 45,5% rispetto allo stesso periodo del 2010 (+45,9% a cambi e perimetri costanti). Considerando le poste non operative si osserva che: gli oneri d’integrazione sono in calo di 5 milioni; i Profitti netti da investimenti, pari a 69 milioni, sono minori di 46 milioni rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; gli accantonamenti per rischi ed oneri sono pari a 405 milioni, 143 milioni in più dello stesso semestre del 2010.

Il maggiore utile lordo genera conseguentemente una crescita di 295 milioni delle Imposte sul reddito, peraltro con un tax rate leggermente in calo al 39,6% dal 40,9% di un anno fa. Escludendo l’utile di pertinenza di terzi (in crescita di 87 milioni rispetto al primo semestre 2010) ed il minore impatto negativo della PPA (67 milioni) si arriva ad un Utile netto di pertinenza del gruppo di 1.321 milioni.

Linee di business

Nel segmento mass market, il primo semestre è stato dedicato al lancio di nuovi prodotti di credito al consumo, d’assicurazione, d’investimento e di nuovi conti correnti per gli immigrati. Per migliorare la capacità di UniCredit di soddisfare le esigenze di protezione contro il rischio, sono stati lanciati due nuovi prodotti assicurativi: Vita Protetta e Casa Protetta; Inoltre, è stato offerto il nuovo prodotto d’investimento Risparmia Facile dedicato ai clienti che vogliono iniziare a investire in un prodotto particolarmente semplice.

Nel segmento small business, dopo Impresa Italia e SOS Impresa Italia, a febbraio 2011 è stata lanciata una nuova importante iniziativa Ripresa Italia. Grazie a tale accordo, stipulato con Rete Imprese Italia (la principale associazione di piccole e medie imprese italiane), UniCredit continua il suo impegno a sostegno dell’economia reale in questa particolare fase, caratterizzata da deboli segnali di ripresa. I contenuti principali di Ripresa Italia sono rappresentati da un nuovo tetto di 1 miliardo di finanziamenti destinati alle piccole e medie imprese e una nuova linea di prodotti creati sulla base delle esigenze di tali imprese.

Sui canali diretti sono state offerte diverse nuove soluzioni per aumentare la distintività del servizio multicanale e per semplificare l’operatività della clientela. Continuano gli sviluppi di nuove funzioni sui canali Self Service, in linea con le esigenze della clientela in termini di velocità, tempestività e facilità di utilizzo.

Leggi la relazione finanziaria completa

Unicredit: utile netto in crescita di oltre 600 milioni di euro. Cresce il segmento prestiti nell’area euro ultima modifica: 2011-09-01T09:10:07+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA