Valfidi, ok della Banca d’Italia alla concessione di finanziamenti

Valfidi LogoCon lettera di accompagnamento del 7 settembre, il dipartimento di Vigilanza della Banca d’Italia ha trasmesso a Valfidi s.c. il provvedimento del 30 agosto 2016 con il quale la società è stata autorizzata all’esercizio dell’attività di concessione dei finanziamenti nei confronti del pubblico, ai sensi degli articoli 106 e seguenti del Testo unico bancario.

Valfidi potrà dunque continuare a esercitare, in misura prevalente, l’attività di concessione di garanzie collettive dei fidi ed allo stesso tempo, una volta che si sarà organizzata, potrà concedere in via residuale e nei limiti imposti dalla Banca d’Italia (limite oggi fissato al 20% della propria attività), altre forme di finanziamento quali ad esempio la concessione di garanzie commerciali o la concessione di piccoli finanziamenti, prevalentemente nei confronti delle imprese socie.

“Questo raggiunto epilogo rappresenta un importante traguardo della società – si legge in una nota – avviato con l’ottenimento della iscrizione all’elenco degli intermediari finanziari ex art. 107 del T.u.b., occorso il 10 aprile 2010, e successivamente richiesto di completamento con l’istanza di autorizzazione per l’iscrizione all’albo previsto dall’articolo 106 del decreto legislativo 385/1993 (Testo unico bancario), avanzata da Valfidi s.c. lo scorso 9 ottobre 2015. Il sostegno fornito dalla società agli operatori economici valdostani, quindi, si avvalora, e la concessa garanzia da parte di Valfidi s.c. continuerà ad essere apprezzata quale effettivo suffragio per l’accesso al credito delle imprese operanti nella Regione Autonoma Valle d’Aosta. Le esigenze delle imprese aumentano e il delineato nuovo mercato del credito comporterà la possibilità di migliorare ed ampliare la sfera dei servizi e dei prodotti offerti ai soci. Soddisfatti gli adempimenti previsti e indicati dalla Banca d’Italia, potranno ora essere avviate le conclusioni delle intese già manifestate e le operazioni di fusione con il Confidi della Valle d’Aosta, aggregazione auspicata da più parti e dalla medesima autorità di vigilanza”.

L’obiettivo precipuo, continua la nota “sarà quello di rafforzare il ruolo del confidi unico e di valorizzarne il ruolo di sostegno alla economia della Regione valle d’Aosta. Sarà oltremodo opportuno che le istituzioni pubbliche continuino a dare sostegno al sistema della “garanzia confidi”, così come hanno sempre fatto, e che i confidi, unitamente al ceto bancario, attuino una diversa politica di relazione con le imprese per la concessione del credito.
È stato quello di Valfidi s.c. un costante lavoro, poliennale e dalle conclusioni fortemente volute, attuato con spirito mutualistico, nella convinzione della concreta valenza di una attività ispirata dal servizio reso nell’esclusivo interesse dei soci”.

Valfidi, ok della Banca d’Italia alla concessione di finanziamenti ultima modifica: 2016-09-19T12:00:17+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA