Bcc Carugate e Inzago, stanzia 5 milioni di euro per il finanziamento delle start up e sigla una convenzione con l’Ente nazionale del microcredito

La Bcc Carugate e Inzago ha stanziato un plafond di 5 milioni di euro da destinare a finanziamenti di microcredito per le start up e le “nuove imprese”. Il presidente del consiglio di amministrazione di Bcc Carugate e Inzago, Giuseppe Maino, e il presidente dell’Ente nazionale per il microcredito, Mario Baccini, hanno siglato un accordo di convenzione per l’erogazione dei servizi di accompagnamento, tutoraggio e monitoraggio relativi ai finanziamenti di microcredito imprenditoriale concessi dalla banca.
Ai soggetti richiedenti la banca offrirà gratuitamente i servizi ausiliari di tutoraggio e monitoraggio, in fase di istruttoria e durante il periodo di rimborso, grazie ad un accordo di convenzionamento con l’Ente nazionale del microcredito.
In base alla convenzione l’Ente presterà ai beneficiari del finanziamento programmi di assistenza strategica e commerciale oltre che di formazione tecnica, legale e amministrativa, vincolanti ai fini della validità della garanzia. Tali servizi saranno somministrati da una rete di tutor territoriali selezionati dall’Ente stesso e saranno prestati in fase di richiesta e continuativamente una volta l’anno per 5 anni.
Il microcredito è una forma di finanziamento con finalità sociale, rivolto alle nuove imprese (startup o imprese con meno di 5 anni di attività) che non possono contare sulla liquidità e sulla storicità necessarie per l’avvio di un progetto seppur sostenibile. La banca potrà erogare loro un finanziamento senza garanzia reale fino a 25.000 euro, rimborsabile in 7 anni e garantito fino all’80% dal Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese del Medio Credito Centrale.
I finanziamenti di microcredito sono disciplinati dal decreto ministeriale n.176/2014 che ne definisce i destinatari, le finalità ammesse, e i servizi ausiliari di assistenza e monitoraggio cui devono sottoporsi i beneficiari. Possono accedere ai finanziamenti lavoratori autonomi e imprese individuali titolari di partita Iva da non più di 5 anni e con massimo 5 dipendenti; società di persone, società tra professionisti, Srl semplificate, società cooperative titolari di partita Iva da non più di 5 anni e con massimo 10 dipendenti. Il credito può finanziare l’acquisto di beni o servizi direttamente connessi all’attività svolta; il pagamento di retribuzioni di nuovi dipendenti o soci lavoratori; il sostenimento dei costi per corsi di formazione.

Articoli che potrebbero interessarti:

Bcc Carugate e Inzago, stanzia 5 milioni di euro per il finanziamento delle start up e sigla una convenzione con l’Ente nazionale del microcredito ultima modifica: 2017-02-23T10:52:23+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA