Il 4 ottobre, a Roma, 49esima Giornata del credito

170908_giornata creditoIl 4 ottobre, a Palazzo Altieri, Piazza del Gesù 49, Roma, si svolge la 49esima Giornata del credito.

Le banche, gli altri intermediari finanziari e le imprese sono chiamati, nell’attuale stagione di vita del Paese, a sostenere lo sviluppo, aiutando la parte che corre e riducendo le incidenze negative di quella che frena. Nella sostanza, è il sistema Italia che deve muoversi, con strategie mirate e sicure, agevolando l’accesso delle unità produttive alla finanza, promuovendo un ambiente favorevole agli investimenti, incentivando la capitalizzazione e la quotazione delle imprese, nel quadro di normative chiare e certe. Nel contempo, si debbono eliminare pesanti fardelli che vanno dall’eccesso di burocrazia, al deficit di legalità, alla fragilità del sistema infrastrutturale, alla forte pressione fiscale, con l’insostenibile costo del lavoro. Questi temi, unitamente ad altri, saranno approfonditi dagli autorevoli relatori, con l’obiettivo di dare contributi di pensiero ad una politica “alta” che, per visione, coraggio e senso di responsabilità, abbia veramente a cuore le sorti dei giovani e del Paese.

Programma:
Ore 9:00 Welcome Coffee
Ore 9:30 Apertura lavori
Ore 9:45 Relazione di base
Ore 10:15 Tavola rotonda
Ore 12:30 Premi di laurea “Francesco Parrillo”
Ore 13:00 Chiusura

Ospiti:
Ercole P. Pellicanò Presidente Anspc
Salvatore Rossi Direttore Generale Banca d’Italia e Presidente Ivass
Salvatore Maccarone – coordinatore Presidente Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi
Vincenzo Boccia Presidente Confindustria
Tommaso Corcos Presidente Assogestioni
Maria Bianca Farina Presidente Ania
Paolo Garonna Segretario Generale Febaf
Gaetano Miccichè Presidente Banca Imi
Fabrizio Pagani Capo Segreteria tecnica Ministero dell’Economia e delle Finanze
Federico Vecchioni Amministratore Delegato ‘‘Bonifiche Ferraresi’’

Il 4 ottobre, a Roma, 49esima Giornata del credito ultima modifica: 2017-09-08T13:57:34+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: