Banca d’Italia, Temi di discussione: La domanda di servizi finanziari nelle reti sociali

Working Papers di Banca d’Italia e nello specifico “La domanda di servizi finanziari nelle reti sociali” analizza il ruolo delle interazioni sociali (social networks) nell’adozione di servizi finanziari, tra cui gli strumenti di pagamento e i servizi bancari (quali conti correnti, prestiti e carte di credito).

Utilizzando informazioni dettagliate sulle decisioni finanziarie degli individui e sulle relazioni tra di essi, l’analisi empirica supporta l’ipotesi che la probabilità che un individuo adotti determinati servizi finanziari aumenta con l’adozione di questi ultimi da parte di altri individui dello stesso social network. La magnitudine e la significatività di tale effetto, tuttavia, dipendono dalla tipologia del legame tra individui: solo le relazioni caratterizzate da interazioni ripetute assumono rilevanza nell’influenzare le scelte sull’adozione di servizi finanziari. Il risultato è coerente con l’ipotesi che gli agenti attribuiscono maggior valore alle scelte finanziarie di coloro di cui si fidano di più.

Nella seconda parte del lavoro si analizza l’impatto aggregato di shock del reddito individuale degli agenti, tenendo conto dell’effetto di moltiplicazione connesso con le loro interazioni sociali. Queste ultime amplificano significativamente il risultato aggregato, contribuendo ad accelerare il processo di adozione di servizi finanziari e bancari da parte della popolazione. Dalla struttura del social network e dalle stime dei parametri ottenute dal modello empirico, è inoltre possibile individuare quali caratteristiche individuali sono responsabili dell’effetto moltiplicatore delle interazioni sociali e possono, in linea di principio, essere sfruttate dalla politica economica per massimizzare l’impatto aggregato delle proprie misure sull’adozione di servizi finanziari.

Banca d’Italia, Temi di discussione: La domanda di servizi finanziari nelle reti sociali ultima modifica: 2017-06-16T12:47:19+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: