Abi: allarme esodati nel settore bancario

Il decreto del ministero del lavoro sugli esodati non è sufficiente a risolvere il problema. Inoltre, dal dicembre scorso l’Inps, in attesa dell’approvazione del decreto, non autorizza nuovi ingressi al Fondo di solidarietà. A richiamare l’attenzione sulla questione degli esodati nel settore bancario è stato Giovanni Sabatini, direttore generale dell’Associazione bancaria italiana, nel corso di un’audizione in commissione Lavoro della Camera.

Sabatini ha spiegato che a fronte di 13.000 titolari di assegno straordinario e circa 7.000 potenziali percettori di assegno, la salvaguardia è prevista per 17.710 soggetti. Il direttore generale ha inoltre segnalato che l’aumento a 62 anni della copertura del Fondo “determina un ulteriore, insostenibile aggravio economico per le imprese che sopportano integralmente a loro carico il costo degli assegni straordinari di sostengo al reddito degli interessati”.

Abi: allarme esodati nel settore bancario ultima modifica: 2012-06-19T08:45:38+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: