Abruzzo: 14 milioni ai confidi attraverso l’aumento gratuito delle quote sociali delle imprese iscritte

Rafforzare il capitale sociale dei confidi abruzzesi per 14 milioni di euro attraverso l’aumento gratuito delle quote sociali delle micro, piccole e medie imprese iscritte. L’assessore allo Sviluppo economico della regione Abruzzo, Alfredo Castiglione, ha illustrato un piano per sostenere i consorzi di garanzia dei fidi. “La nostra convinta attenzione alle politiche creditrici, come leva per lo sviluppo, non è mai venuta meno in questi anni di governo regionale”, ha spiegato Castiglione secondo quanto riferisce il sito PrimaDaNoi.it. “Potevamo scegliere altre strade, per esempio aderire al Fondo unico nazionale di garanzia ed invece abbiamo preferito essere vicini a quelle che riteniamo cerniere tra chi produce e il territorio”.

L’assessore ha aggiunto che ulteriori 10 milioni di euro, derivanti da economie o da ribassi d’asta, concorreranno all’implementazione complessiva del fondo di 14 milioni di euro. “Ora tocca ai confidi – ha aggiunto Castiglione – premere sulle politiche della fusione, strada necessaria a rafforzare e consolidare la rete del credito”.

I quattordici milioni di euro saranno suddivisi in quattro annualità: 11,9 milioni nel 2013; 958.000 nel 2014; 570.000 nel 2015 e altrettanti nel 2016.

Le risorse, spiega il sito, saranno specificamente destinate all’aumento gratuito di capitale sociale dei confidi, le cui quote o azioni verranno assegnate in parti uguali in favore delle imprese che ne faranno richiesta e che siano iscritte o che intendano iscriversi ai confidi stessi. L’accesso ai benefici è infatti subordinato all’acquisto del titolo di socio. Le imprese sono libere di scegliere un solo Confidi. Le domande dovranno essere presentate ai Confidi a partire dal giorno successivo alla data di pubblicazione dell’avviso sul Burat e fino al 31 dicembre 2013.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Abruzzo: 14 milioni ai confidi attraverso l’aumento gratuito delle quote sociali delle imprese iscritte ultima modifica: 2013-09-23T13:14:39+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: