Accordo Oam e Università di Tor Vergata per ricerca sul settore degli intermediari del credito. Antonio Catricalà: “Uno strumento utile per capire qual è oggi lo stato del comparto e in quale direzione si muoverà in futuro”

Oam LogoFotografare il settore dell’intermediazione creditizia anche per individuarne gli scenari futuri. È l’obiettivo della ricerca che verrà effettuata grazie alla collaborazione tra l’Oam e l’Università di Tor Vergata. Lo ha rivelato Antonio Catricalà, presidente dell’Organismo agenti e mediatori, nel corso del suo intervento durante il II convegno Fimaa sulla mediazione creditizia che si è svolto questa mattina a Roma.

“In questo momento stiamo definendo i dettagli per stipulare una convenzione con l’Università di Tor Vergata, che ci aiuterà a realizzare la ricerca – ha spiegato Catricalà –. Vogliamo tracciare un quadro del settore che sia il più preciso possibile, analizzando i soggetti che vi operano, il modo in cui si presenta il mercato e soprattutto quelli che sono le dinamiche che lo animano. Avremo chiaramente bisogno della maggior cooperazione possibile da parte dei nostri iscritti, ai quali chiederemo di fornirci, su base volontaria ovviamente, alcune informazioni. In cambio otterranno uno strumento utile che li aiuterà a capire qual è oggi lo stato del comparto e soprattutto in quale direzione si muoverà in futuro la professione”.

Accordo Oam e Università di Tor Vergata per ricerca sul settore degli intermediari del credito. Antonio Catricalà: “Uno strumento utile per capire qual è oggi lo stato del comparto e in quale direzione si muoverà in futuro” ultima modifica: 2018-12-06T17:34:26+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: