Accordo Unicredit Premafin, nessun obbligo Opa dalla Consob

 

UniCredit e Premafin hanno raggiunto un accordo funzionale all’esecuzione, da parte di Fondiaria-SAI, della già annunciata operazione di ricapitalizzazione del gruppo a essa facente capo.

Come si legge nel comunicato, la Consob ha deliberato che “l’esecuzione dell’operazione non comporterebbe l’obbligo di Opa sulle azioni Fondiaria-SAI, ai sensi dell’art. 106 del D.Lgs. 58/98, in quanto risulterebbe applicabile l’esenzione prevista dall’art. 49, comma 1, lett. b), n. 1, par. iii, del Regolamento 11971 in materia emittenti. Le motivazioni della decisione saranno comunicate dalla Consob con separata nota”.

La menzionata ipotesi di esenzione trova applicazione, per le società soggette a vigilanza, in presenza di una ricapitalizzazione effettuata a seguito di richieste formulate da un’autorità di vigilanza prudenziale. In proposito, alla luce dei risultati dell’esercizio 2010 già resi noti al mercato, l’Isvap ha chiesto a Fondiaria-SAI, in data 31 marzo 2011, di dar corso all’aumento di capitale che l’assemblea aveva delegato, con delibera del 26 gennaio scorso, all’organo amministrativo.

Accordo Unicredit Premafin, nessun obbligo Opa dalla Consob ultima modifica: 2011-05-18T16:14:49+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: