Aec: completato il buy back, raggiunto il 49% del capitale

Aec LogoAec ha reso noto di aver completato il riacquisto di azioni dei soci di minoranza, che ha raggiunto il 49% del capitale sociale.

Dopo il 5% del 2010, spiega una nota, lo scorso 19 dicembre sono state acquistate azioni ordinarie di proprietà della Uniconsult equivalenti al 44% del capitale sociale.

Il buy back, approvato dall’assemblea dell’aprile 2013, è stato realizzato per permettere ad Aec Wholesale Group, quale gruppo di intermediazione grossista (collocatore) e gestione sinistri operante con il mercato dei Lloyd’s e con il London Company Market, di rafforzare la propria indipendenza creando nel contempo una riserva di titoli che potrà essere utilizzata sia per acquisizioni e/o scambi azionari con altri operatori del mercato assicurativo sia per programmi di stock option rivolti ai manager del gruppo in funzione del raggiungimento di target economico-finanziari.

Il cda ha incaricato Michele Longo, consigliere di amministrazione indipendente di valutare tutte le proposte pervenute in questi mesi alla società.

Fabrizio Callarà, presidente e amministratore delegato ha commentato: “Dopo aver rinnovato, l’estate scorsa, tutti i nostri binder sul mercato dei Lloyd’s, questo importante risultato pone il Gruppo Aec in una posizione privilegiata per cogliere le enormi opportunità per gli intermediari grossisti derivanti dall’impoverimento dell’offerta Property & Casualty nei rischi commerciali conseguenti alla sempre maggiore concentrazione del mercato assicurativo in Italia. Al contrario le compagnie specialistiche del mercato assicurativo e riassicurativo internazionale guardano l’Italia come un Paese con forti potenzialità di sviluppo per i rischi di nicchia e per la responsabilità civile generale, amministrativa e professionale cercando agenzie di sottoscrizione e gestione dei sinistri già strutturate per distribuire le loro soluzioni”.

Aec: completato il buy back, raggiunto il 49% del capitale ultima modifica: 2013-12-23T16:03:44+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: