Agenzia del Territorio, le compravendite in Italia per il IV trimestre 2010

L’Agenzia del Territorio ha pubblicato i dati delle compravendite del mercato immobiliare italiano riferite al IV trimestre 2010. I dati mostrano un trend che continua a essere negativo, sulla scia del III trimestre, disattendendo quindi gli aumenti delle compravendite nei primi due trimestri del 2010.

Nello specifico, il tasso tendenziale annuo del volume di compravendite registra un -3,4% rispetto il IV trimestre 2009, che fa seguito al -2,3% del trimestre precedente: i segni negativi riguardano il settore residenziale (-4,1%), il mercato delle pertinenze (-0,4%) e i settori terziario e commerciale (-3,5% e -2,0% rispettivamente). L’unica variazione di tendenza riguarda invece il settore produttivo che ha infatti registrato un tasso tendenziale positivo pari al +4%, in controtendenza rispetto agli andamenti negativi dei trimestri precedenti. I dati di compravendita del IV trimestre fanno complessivamente riferimento a 382.420 unità immobiliari (in termini di NTN) di cui 169.243 nel settore residenziale e 137.648 nelle pertinenze (per la maggior parte riconducibili all’uso residenziale). Il terziario registra invece 5.134 compravendite, il commerciale 10.755, il produttivo 4.065 mentre in “altro” si segnalano 55.575 transazioni normalizzate. Compravendite nel complesso stabili nel 2010 rispetto al 2009 (-0,1%), anno in cui il mercato era ancora in netta flessione: -11% circa sul 2008.

Un’analisi ancor più dettagliata condotta per macro aree geografiche nel settore residenziale evidenzia una discesa comune del NTN. In particolare, mostrano un’inversione di tendenza le regioni del Centro e del Nord che, dopo una serie di trimestri positivi, segnano una variazione negativa pari a -5,1% al Centro ed una lieve flessione, pari a -1,7%, nelle regioni settentrionali. In ogni caso, rispetto all’omologo trimestre del 2004, la riduzione del mercato residenziale registra una contrazione complessiva di compravendite maggiore al Nord con -31,7%, e pari al -30,5% al Centro e al -27,1% al Sud.

Segno – anche per capoluoghi e comuni non capoluoghi rispetto al IV trimestre del 2009: a livello nazionale si registra infatti un -1,3% per i capoluoghi e un -5,3% per i comuni non capoluoghi. Va però segnalato che che su base annua la compravendita di abitazioni nei capoluoghi segna un +5,1%, che risente dell’influenza positiva dei primi tre trimestri dell’anno e che trascina il dato nazionale ad un risultato positivo del +0,4%.

Nelle diverse macroaree la situazione del IV trimestre del 2010 si presenta variegata con un unico dato positivo nei capoluoghi del Nord (+0,3% sul 2009). Al Centro e al Sud i capoluoghi registrano un calo delle compravendite del -1,1% e del -4,7% rispettivamente. La situazione generale dei comuni non capoluoghi è invece di segno negativo in tutte le macroaree con punte del -9,0% nel Sud e –7,9% nel Centro. Su base annua, ovvero la variazione dell’intero 2010 rispetto al 2009, il contesto appare migliore per i capoluoghi con massime del +9,2% nel Centro, +4,4% al Nord e +1,7% al Sud, positività anche in questo caso influenzate dalle migliori performance dei primi trimestri del 2010. Nei comuni non capoluoghi invece anche su base annua si registrano trend negativi con punte del -4,1% al Sud.

Complessivamente, rispetto al trimestre omologo del 2004, il mercato residenziale nei capoluoghi si è contratto del -28% circa, con una punta negativa nelle città del Nord pari a -29,2%. Risulta maggiore la perdita dal 2004 per il mercato residenziale dei comuni minori, -31% circa, con i comuni del Nord che hanno perso il 32% circa.

Come già accennato, per quanto riguarda i settori non residenziali si evidenziano segni discordanti negli andamenti delle compravendite di immobili nel settore terziario, commerciale e produttivo: infatti, rispetto al IV trimestre del 2009, lo stesso trimestre del 2010 segnala cali del settore commerciale (-2,0%) e del terziario (-3,5%), mentre il settore produttivo mostra un segno positivo pari al +4,0%. È però opportuno ricordare che dal 2004 tutti i settori mostrano una contrazione delle vendite, calcolata su trimestri omologhi, con il settore commerciale che subisce il calo maggiore, -39% circa, mentre i settori terziario e produttivo registrano una diminuzione intorno al -30%.

Leggi i comunicati completi:

Nota trimestrale. IV trimestre 2010 e sintesi annua

Nota trimestrale. IV trimestre 2010 e sintesi annua: allegato statistico

Agenzia del Territorio, le compravendite in Italia per il IV trimestre 2010 ultima modifica: 2011-03-21T15:12:18+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: