Alessandro Maione, amministratore delegato Mediocredito Europeo: “L’obiettivo per quest’anno è raddoppiare i volumi rispetto al 2016″

Maione, Mediocredito EuropeoA febbraio scorso ha ottenuto il via libera dalla Banca d’Italia all’iscrizione al nuovo albo degli intermediari. A metà marzo ha cambiato governance e avviato una nuovo fase di sviluppo. Ora Mediocredito Europeo è al lavoro per consolidare le proprie capacità commerciali e sviluppare un progetto articolato su differenti canali distributivi. Con Alessandro Maione, recentemente subentrato a Massimo Minnucci nella carica di amministratore delegato, parliamo delle sfide che attendono la società e dei programmi per il futuro.

Come sta andando questo 2017? Che previsioni avete per la fine dell’anno?
L’impegno nell’attività di erogazione diretta ci ha portato a sviluppare un budget che prevede un incremento pari al 100 per cento dei volumi rispetto al 2016 entro il prossimo dicembre. Questo ambizioso obiettivo è stato fissato tenendo conto della capacità finanziaria raggiunta, utile ad assicurare una crescita stabile e di lungo periodo. I volumi generati e gestiti, fattore strategico dello sviluppo del triennio, permetteranno a Mediocredito Europeo di conquistare una propria quota di mercato in termini di rapporti commerciali e di vedere, fin dall’avvio, una netta prevalenza dei volumi originati.

Quali saranno le priorità della nuova fase di sviluppo che avete avviato?
L’azienda si sta innanzitutto concentrando su una serie di investimenti in strumenti utili per il lavoro. È ormai prossimo il rilascio della prima versione di un nostro software proprietario di sostegno al business. Si tratta di una piattaforma che offre una soluzione di pianificazione e ottimizzazione nella gestione dei contatti per una soluzione di marketing integrata dei processi aziendali di gestione delle richieste di finanziamento in tutte le fasi di istruttoria e delibera, fino alla liquidazione della pratica e alla cessione del credito. Il nuovo software è una evoluzione degli strumenti informatici attualmente disponibili all’interno delle aziende del gruppo, che offre la possibilità di calare l’esperienza internazionale di gestione dei crediti nell’ambito specifico e tipicamente italiano dei finanziamenti garantiti, core business di Mediocredito Europeo. Il programma comprende avanzamenti significativi nella gestione dei contatti, nel monitoraggio e nella visualizzazione della lavorazione durante tutto il ciclo di produzione e permette, vera nuova prospettiva di approccio al business, una gestione strategica della produzione. Col nuovo strumento avremo la possibilità di sfruttare le funzionalità costruite sulle caratteristiche finanziarie dei prodotti di cessione del quinto e delegazione di pagamento, che garantiranno un controllo degli asset più completo e previdente e l’integrazione di un workflow rigoroso che permetterà, sia ai dipendenti che alla rete distributiva, il costante monitoraggio dello stato di lavorazione delle posizioni.

Siete al lavoro anche su altri progetti?
È in corso il primo rilascio di un business tool kit per la rete distributiva pensato a sostegno delle vendite, che sarà costantemente aggiornato per condividere obiettivi e processi aziendali oltre che per garantire il corretto sostegno agli operatori in una fase delicata di trasformazione del mercato di riferimento. Il nostro obiettivo è di presentarci sul mercato con una rete di agenti controllata e rigorosamente formata sul prodotto, riconoscendo il corretto valore sociale all’obiettivo di implementare un business model basato sull’attenzione verso il cliente. L’idea che abbiamo di attenzione al cliente è un concetto sul quale abbiamo piacere di soffermarci e che presto espliciteremo nei dettagli. Un approccio nuovo che ovviamente parte dal rispetto di base della normativa sulla trasparenza e sulla corretta presentazione al cliente dei prodotti finanziari e che si concentra sull’idea di servizi legati alla quotidianità di ciascuno di noi, che possono agevolare il rapporto tra cittadini, del singolo con l’azienda per cui lavora e con la pubblica amministrazione. Il termometro del successo delle strategie pianificate sarà non solo il business in termini di volumi sviluppati ma soprattutto la qualità della produzione intesa come la capacità di presentare correttamente il prodotto cessione del quinto a nuovi clienti che approcciano i finanziamenti garantiti per la prima volta. Questo in ottemperanza anche a quanto indicato nell’ormai di imminente applicazione protocollo di intesa siglato tra Assofin e associazioni dei consumatori.

Alessandro Maione, amministratore delegato Mediocredito Europeo: “L’obiettivo per quest’anno è raddoppiare i volumi rispetto al 2016″ ultima modifica: 2017-04-28T21:01:14+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: