Andrea Pennato, amministratore delegato Money360: “Per la nostra rete non puntiamo sui grandi numeri ma su qualità, flessibilità e competitività”  

Pennato Money360 - Copia“Nel primo semestre abbiamo registrato una crescita dei volumi di oltre il 50 per cento. È un risultato di cui siamo particolarmente orgogliosi, perché è stato conseguito senza che sia stato necessario aumentare il numero dei nostri agenti, a riprova del fatto che puntare sulla qualità del lavoro e sulla preparazione professionale delle persone sui cui si investe è una scelta che premia. Alla luce dei numeri che abbiamo ottenuto possiamo dire che tra gennaio e giugno scorsi ogni nostro singolo collaboratore ha lavorato in modo migliore rispetto al passato, trattando un maggior numero di pratiche e producendo di più”. Andrea Pennato ci parla dei progetti di sviluppo di Money360, di cui è amministratore delegato.

Come vi state muovendo a livello territoriale e di accordi commerciali?
Tra l’ultimo trimestre del 2015 e il primo del 2016 avremo alcuni ingressi nelle grandi regioni del Nord: Piemonte e Lombardia. In Piemonte al momento non abbiamo nessuno, mentre in Lombardia amplieremo la presenza sul territorio. In aggiunta a ciò nei mesi scorsi abbiamo consolidato le partnership che avevamo in essere con istituti di credito e finanziarie. Attualmente abbiamo legami con sei banche, un mix abbastanza omogeneo che ci offre ampi spazi di manovra e di scelta, a garanzia soprattutto del cliente, che può essere indirizzato verso la soluzione che meglio risponde alle sue specifiche aspettative ed esigenze, e dei collaboratori, che hanno a disposizione un’ampia gamma di prodotti.

Ci sono delle soglie minime di produzione che i vostri collaboratori devono rispettare?
Sì. Anche per questo abbiamo un iter di recruiting molto rigido: per diventare un nostro collaboratore si deve affrontare una lunga serie di colloqui ma una volta dentro si è sicuri di poter lavorare con noi in un  clima di serenità e condivisione, ricevendo tutto l’aiuto e il supporto possibili. Prova ne è il fatto che il turnover dei collaboratori è molto basso. Come previsto dalla normativa ci siamo dotati di una struttura di internal audit, a cui affianchiamo un’attività di controllo diretto della qualità del lavoro svolto. Il nostro intento è quello di avere una rete non particolarmente ampia dal punto di vista numerico ma molto performante e capace di offrire un valore aggiunto rispetto alla concorrenza.

Altri progetti in cantiere?
Vogliamo continuare sulla strada percorsa fino a questo momento, migliorando costantemente la qualità del servizio offerto. Rivolgersi a un nostro collaboratore non ha alcun costo per il cliente, che in Money360 speriamo possa trovare un punto di riferimento in grado di orientarlo e consigliarlo quando è alle prese con scelte spesso complesse e piene di ripercussioni sul futuro. Una cosa che stiamo valutando è quella di operare con alcune banche in via esclusiva, cosa che già stiamo facendo con Webank, che distribuisce i propri mutui casa tramite la nostra società dall’aprile del 2011.

A proposito di mutui, come si muoverà il mercato nel 2016?
In questo momento l’andamento del settore è pesantemente influenzato dalle surroghe, che con l’abbassamento dei tassi di interesse hanno finito per convogliare la stragrande maggioranza delle richieste di mutuo. I dati che parlano di un aumento delle domande di oltre l’80 per cento, dunque, sono evidentemente “falsati”. Guardando all’anno prossimo io credo che volumi complessivi saranno inferiori a quelli del 2015 ma con una quota crescente di mutui “nuovi”, per acquisto o ristrutturazione. Qualche avvisaglia in questo senso si è già avuta. Chiaramente non mi attendo un incremento esponenziale, anche se credo sia lecito aspettarsi una crescita a due cifre.

Andrea Pennato, amministratore delegato Money360: “Per la nostra rete non puntiamo sui grandi numeri ma su qualità, flessibilità e competitività”   ultima modifica: 2015-09-17T19:10:40+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: