Antitrust, sanzioni per 324.000 alla Index Holding e alle società del gruppo

Antitrust LogoàSanzioni complessive per 324.000 euro a Index Holding e alle società del gruppo per pubblicità ingannevoli e pratiche commerciali scorrette. Le ha decise l’Antitrust che, a tutela delle microimprese, ha condannato le società stesse a pubblicare un estratto della sua decisione.

Il procedimento, spiega una nota dell’Atutorità garante della concorrenza e del mercato, è stato avviato alla luce delle segnalazioni inviate da molte piccole aziende, in gran parte esercenti di bar, edicole, piccoli e piccolissimi ristoranti, spesso a gestione familiare. Secondo quanto ricostruito dall’istruttoria le società facenti capo al gruppo Index, ciascuno con un suo ruolo, prima pubblicizzavano la possibilità di aderire a una rete informatica grazie alla quale gli esercenti avrebbero potuto operare come centro di vendita di servizi quali “le ricariche di telefoni cellulari, le spedizioni postali e le scommesse on-line”. Le campagne pubblicitarie, svolte anche attraverso consegne di depliant  ‘porta a porta’,  omettevano però di spiegare che alcuni servizi avrebbero potuto essere indisponibili. In qualche caso l’avvertenza sulla possibile indisponibilità di alcuni servizi era indicata ma in caratteri molto piccoli. Chi aderiva all’offerta si trovava spesso nella condizione di non potere fornire i servizi alla propria clientela (subendo anche un danno di immagine): al momento di rescindere il contratto incontrava però una serie di ostacoli, costituiti da uno studiato e organizzato rinvio di responsabilità da parte delle società controllate da Index Holding. All’azienda rimaneva, come unica possibilità, per vedersi riconoscere i propri diritti, quella di citare in giudizio le società.

Quanto ai singoli ruoli, Index Europea S.p.A. è la controparte contrattuale nei contratti denominati “Indexpoint” e ha  pubblicizzato i prodotti e servizi del gruppo  nonché gestito i rapporti con i clienti al momento dei loro reclami per la mancata disponibilità dei beni e dei servizi. Stesso ruolo quello svolto da Imel.Eu S.p.A. per i contratti denominati “Imelpoint”. Index Finanziaria è invece la controparte contrattuale delle microimprese nella stipula di finanziamenti, destinati espressamente ed esclusivamente al pagamento del prezzo dei prodotti/servizi di cui ai contratti denominati “Indexpoint” e “Imelpoint”.   Anche questa società si è occupata di pubblicizzare e proporre i propri servizi finanziari ai clienti del gruppo insieme ai prodotti e servizi del gruppo stesso, ed è risultata direttamente coinvolta nella gestione dei rapporti con i clienti al momento dei loro reclami per la mancata disponibilità dei beni e dei servizi  venduti dalle altre società del gruppo su citate. Indexcom S.r.l. è la società del gruppo cui fanno capo i vari promotori che si recano presso le sedi dei clienti a presentare e a far sottoscrivere i contratti. Infine la capogruppo Index Holding ha svolto il ruolo di coordinamento tra le varie società.

Alla luce della ricostruzione effettuata l’Antitrust ha dunque deciso le seguenti sanzioni:

Per la pubblicità ingannevole:

–          Index Holding S.p.A.             8.000 € (ottomila euro);

–          Index Europea S.p.A.            78.000 € (settantottomila euro);

–          Indexcom S.r.l.                    3.000 € (tremila euro);

–          Index Finanziaria S.p.A.         4.000 € (quattromila euro);

–          Imel Eu S.p.A.                     7.000 € (settemila euro).

Per le pratiche commerciali scorrette

–          Index Holding S.p.A.             20.000 € (ventimilamila euro);

–          Index Europea S.p.A.            202.000 € (duecentoduemila euro);

–          Index Finanziaria S.p.A.         12.000 € (dodicimila euro).

 ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Antitrust, sanzioni per 324.000 alla Index Holding e alle società del gruppo ultima modifica: 2013-10-21T15:58:10+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: