Apsp, al via osservatorio permanente su blockchain e criptovalute

Apsp LogoL’Associazione italiana prestatori servizi di pagamento (Apsp) ha dato vita a un osservatorio permanente su blockchain e criptovalute con l’obiettivo di studiare il mercato e di identificare e quantificare i benefici e i rischi derivanti dall’utilizzo di questi sistemi per i cittadini, supportandone l’adozione da parte di banche e operatori del settore pagamenti.

A partire dal lontano 2009, anno in cui è stato inventato il bitcoin, le criptovalute hanno guadagnato proseliti e detrattori, questi ultimi preoccupati dalla possibilità di effettuare transazioni senza intermediazioni bancarie e in assenza del controllo di un ente centrale. La blockchain invece ha, quasi da subito, messo tutti d’accordo, perché la sua natura ramificata garantisce un elevato livello di sicurezza.

Tutti i sistemi di criptovalute sono fondati sulla tecnologia blockchain, un paradigma che trasformerà i concetti di transazione e fiducia e che, estrapolato dal suo contesto, può essere utilizzato in molteplici ambiti. Il settore finanziario è in generale quello più attivo sul tema blockchain, ma non l’unico.

Sulla questione dell’identità digitale, ad esempio, ci sono sperimentazioni interessanti: sfruttando la blockchain si potrebbe garantire la validità delle votazioni, o anche il corretto scambio di titoli e azioni, e tutto questo può avvenire perché alla base di ogni transazione vi è una fitta rete di nodi che ne garantiscono la correttezza, mantenendo, dove necessario, l’anonimato.

“Esiste oggi la possibilità di una svolta nei sistemi di pagamento che potrebbe portare benefici a tutti, prima di tutto ai cittadini”, ha dichiarato Maurizio Pimpinella, presidente dell’Apsp.