Assicurazioni, indagine Willis Towers Watson: lo sviluppo di analytic tool sarà la chiave per lo sviluppo del settore

Willis Towers Watson LogoIn risposta al ritardo accumulato nell’adozione di tecnologie digitali dovuto a una certa riluttanza, così come ai costi e alla nuova regolamentazione, un numero crescente di compagnie assicurative definisce prioritari gli investimenti in digitalizzazione. È quanto emerge da uno studio condotto da Willis Towers Watson in collaborazione con Mergermarket.

Dall’indagine risulta che circa tre quarti delle compagnie (74%) ritiene che il settore assicurativo abbia fallito nel suo ruolo di leadership nell’innovazione digitale. Sebbene i costi rappresentino una delle sfide maggiori, il 32% degli intervistati ha risposto che il ritardo è causato anche dai lunghi tempi richiesti per la commercializzazione di nuove tecnologie, mentre il 24% ha sostenuto che riveste un ruolo fondamentale anche l’ordine di grandezza dell’investimento richiesto.
 
Le compagnie assicurative riconoscono l’importanza di costruire un’infrastruttura digitale sostenibile per incrementare il coinvolgimento dei clienti e per rinforzare il canale distributivo, che deve essere sempre più indirizzato verso l’innovazione, le joint ventures e le attività di M&A – ha sottolineato Fergal O’Shea, Emea life insurance M&A leader di Willis Towers Watson -. Coloro che esitano corrono il rischio di rimanere indietro e di non riuscire a catturare le future generazioni, così come i policyholders più giovani che potranno essere maggiormente coinvolti attraverso la digitalizzazione”.
 
Quasi la metà dei rispondenti all’indagine (49%), guidati dal desiderio di acquisire tecnologie digitali, prevede di fare un’acquisizione nei prossimi 3 anni. Di questi il 14% è intenzionato ad avventurarsi in più di un’acquisizione.
 
L’indagine rivela che quasi la totalità delle compagnie (94%) prevede che la distribuzione rappresenterà l’area dove le tecnologie digitali avranno il più grande impatto nei prossimi 5 anni. Gli assicuratori includono tra le loro priorità strategiche anche il claim processing, il loss adjustment e il customer managment.
 
La distribuzione è un tema ricorrente per le compagnie che si misurano con il panorama digitale ed evidenzia come questo canale possa offrire nuove vie di accesso al mercato e nuove chiavi per costruire solide relazioni con i consumatori di prodotti e servizi”, ha spiegato Andy Staudt, Emea P&C insurance leader. 
 
Secondo il 77% delle compagnie che hanno preso parte all’indagine, i canali di vendita web e mobile saranno le tecnologie di spicco dei prossimi due anni. Rivestiranno inoltre un ruolo chiave per i prossimi cinque anni anche i big data, l’automazione, i robot-advisor e i robot-sensors.
Allo stesso tempo, le compagnie riconoscono la grande sfida, nonché opportunità, legata alla digitalizzazione, di creare efficienze operative in tutte le aree del business, che gestirà non solo i costi, ma ottimizzerà i processi per potenziare significativamente la customer experience.
 
Strumenti e tecnologie emergenti sono stati fino ad ora spesso ignorati dagli assicuratori, così che i modelli di innovazione esterni sembrano rappresentare l’unica via per migliorare le tecnologie digitali. Si prevede che questo porterà a un’ondata di nuove attività di M&A negli anni a venire”, ha aggiunto Staud.
Lo sviluppo di analytic tools è individuato nell’indagine come elemento chiave della corsa all’innovazione per il settore assicurativo. Molti assicuratori sostengono di aver già fatto progressi sostanziali in questa area. 9 su 10 (91%) stanno esplorando come guadagnare più informazioni dirette dai loro attuali clienti. Nel frattempo, il 79% si sta avvalendo dei social network e più della metà (53%) sta cercando dati pubblicamente disponibili in nuovi modi.
 
Per quanto riguarda la digital disruption, mentre il 45% crede che nei prossimi anni il settore assicurativo sarà quello trainante, un’equivalente percentuale di intervistati ritiene che sarà il business start-up che gioverà, invece, maggiormente dei vantaggi della digitalizzazione. Solo l’8% vede nei competitors del settore tecnologico eventuali avversari che potrebbero impattare la loro posizione nel mercato. Sebbene Google e Facebook siano notoriamente identificati come potenziali rivali in termini di digitalizzazione, gli assicuratori si rivelano ottimisti circa la loro minaccia.
 
“Gli assicuratori devono trovare nuovi modelli di business per ampliare la loro base clienti attraverso le nuove tecnologie – ha concluso Fergal O’Shea -. I cambiamenti di business sono necessari per l’innovazione di prodotto, per un più efficace coinvolgimento delle future generazioni di policyholder e per migliorare il valore del ciclo di vita del cliente e i margini di profitto”.

Articoli che potrebbero interessarti:

Assicurazioni, indagine Willis Towers Watson: lo sviluppo di analytic tool sarà la chiave per lo sviluppo del settore ultima modifica: 2017-01-25T11:13:45+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA