Assicurazioni, Ivass: nel 2012 flessione del 4,6% nella raccolta

In particolare, spiega una nota dell’Ivass, la raccolta dei premi vita, pari a 69,7 miliardi, è diminuita del 5,6%, mentre il portafoglio danni, con un  controvalore di 35,4 miliardi  si è ridotto del 2,6%.

E’ da tenerepresente, sottolinea l’istituto, che queste variazioni sono influenzate dall’uscita dal portafoglio diretto italiano di tre imprese nazionali. Le medesime variazioni calcolate su basi omogenee evidenzierebbero infatti un calo del 4,3% della raccolta complessiva e del 5,5% e 1,9% rispettivamente per i rami vita e danni.

Disaggregando ulteriormente i dati si osserva che, per quanto riguarda i rami vita, ad essere penalizzate maggiormente sono state nel 2012 le assicurazioni sulla durata della vita umana  (meno 9,7%) e le operazioni di capitalizzazione (meno 10,1%), mentre le assicurazioni come le index e le unit linked, le cui prestazioni principali sono direttamente collegate al valore di quote di Oicr (Organismi di investimento collettivo del risparmio) o di fondi interni ovvero a indici o ad altri valori di riferimento, crescono del 10,5%.

Per quanto riguarda infine l’andamento dei rami danni, la raccolta premi rc auto e natanti, con un controvalore di 17,6 miliardi di euro ha registrato una flessione dell’1,2% rispetto al 2011, quella degli altri rami danni (infortuni, rc generale, malattia, incendio ed altri) del 3,2% per un controvalore di 15,2 miliardi. A fine 2012 l’incidenza della raccolta rc auto era pari al 49,6% sul totale della raccolta danni e del 16,7% su quella complessiva.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Assicurazioni, Ivass: nel 2012 flessione del 4,6% nella raccolta ultima modifica: 2013-03-07T14:46:45+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: