Assicurazioni, Ivass: tra il 2014 e il 2018 gestioni separate in calo ma attivi in aumento

14

Ivass Logo 4Tra il 2014 e il 2018 il numero di gestioni separate in euro e in valuta collegate alle polizze vita rivalutabili (rami I e V) si è ridotto rispettivamente da 340 a 283 e da 25 a 14. Nel 2018 sono state avviate 5 nuove gestioni che utilizzano il Fondo utili. È quanto emerge dal primo Bollettino sulle gestioni separate pubblicato dall’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni (Ivass).

Secondo il bollettino gli attivi delle gestioni sono cresciuti di circa il 23% e a fine 2018 sono pari a 525 miliardi di euro a fronte di riserve tecniche per 517 miliardi di euro. I titoli di stato e le obbligazioni diminuiscono dall’88% all’83%. È raddoppiata dal 7% al 14% la quota di portafoglio investita in Oicr.

Le compagnie assicurative, mostrano i dati Ivass, hanno progressivamente ridotto le garanzie di rendimento; le gestioni con tasso minimo garantito pari a 0% sono passate dal 14% al 40% e quella con tasso minimo garantito oltre 0% fino al 2% è diminuita dal 63% al 47%.

La quota di rendimento trattenuta dalle imprese assicurative è rimasta sostanzialmente invariata se riferita all’attivo in gestione (1%) ed è cresciuta se rapportata al rendimento lordo realizzato (dal 28% al 34%).