Assiteca crea la divisione insurtech e lancia la piattaforma Protea

Assiteca LogoAssiteca, primo gruppo italiano di brokeraggio assicurativo, da sempre innovatore del settore, ha creato la divisione insurtech e lanciato la piattaforma multicanale Protea per intercettare i bisogni sempre più evoluti di privati, aziende e operatori del mercato.

La piattaforma, si legge in una nota, è attiva su diverse linee di business (la prima messa in produzione è quella del segmento motor) ed è esportabile su molteplici target quali, tra i principali, compagnie di assicurazione, banche, intermediari assicurativi e finanziari, associazioni e gruppi di acquisto, società di servizi alla mobilità, case automobilistiche e dealer.

Protea è personalizzabile a seconda delle esigenze ed è in costante evoluzione: si aggiorna infatti di continuo grazie alle elaborazioni dell’Ai che permettono profilazioni dettagliate e consentono, sfruttando una base dati sempre più ricca, la costruzione di prodotti e servizi esclusivi.

Protea si candida a diventare nel breve periodo il marketplace di Assiteca per il segmento Retail e Small Business, attraverso modelli B2B, B2C e, vista la capillare presenza delle filiali Assiteca sul territorio, B2I.

Protea va oltre il preventivatore o il comparatore: si tratta di un vero e proprio incubatore in cui digital transformation, machine learning e chat bot sono elementi distintivi che operano in modo integrato, modulare e scalabile per tutti gli stakeholder del sistema assicurativo – ha dichiarato Marco Ferrazzano, direttore della divisione insurtech di Assiteca -. In questi anni abbiamo deciso di investire molto in R&S per affrontare, con adeguati strumenti, l’evoluzione che il mercato assicurativo sta vivendo. L’obiettivo è ampliare la gamma di prodotti offerti dalla piattaforma attraverso un ecosistema in grado di affrontare il cambiamento, innovando i modelli distributivi e ottimizzandone i processi e le marginalità”, ha concluso Filippo Binasco, vice presidente di Assiteca.

In natura Protea è un fiore che ha la particolarità di esistere in forme e colori diversi. E’ stato quindi dato questo nome alla piattaforma perché capace di adattare la propria tecnologia e la propria offerta alle esigenze dei clienti come del business.