Asso112: “Aggiungere ai requisiti degli amministratori dei confidi la correttezza e la professionalità”

Asso112 Logo“Con la piena condivisione politica del consiglio direttivo e con un’approfondita analisi tecnica del nostro comitato scientifico, Asso112 ha presentato la propria posizione al Mef in merito alla consultazione pubblica sui requisiti degli amministratori dei confidi. Il testo originario prevede la sola applicazione dei requisiti di onorabilità agli amministratori dei confidi 112. Il nostro position paper suggerisce, in aggiunta, l’applicazione dei requisiti di correttezza e di professionalità”. Così Donatella Visconti, presidente di Asso112, Associazione confidi italiani, che rappresenta i confidi più piccoli e più territoriali, è intervenuta sulla consultazione pubblica del Mef, chiusa venerdì 22 settembre e relativa ai requisiti degli esponenti bancari, degli intermediari finanziari e dei confidi.
“Le garanzie dei confidi 112, quelli di minore dimensione, supportano poco meno di 10 miliardi di finanziamenti alle Mpmi – ha aggiunto Visconti -. Fermarci ai soli requisiti di onorabilità, senza combinarli con la correttezza e con la professionalità, rischierebbe di creare un problema di reputazione per il settore. Dopo la decadenza della delega al governo per la riforma del settore, è necessario ripartire senza timore e senza indugio. Proponiamo regole che premino i confidi migliori senza lasciare spazio a enti senza controllo e con gestione quanto meno opaca”.
Nei prossimi mesi il Mef dovrà presentare il provvedimento dopo aver vagliato tutte le proposte ricevute a seguito della consultazione. “Asso112 auspica che siano recepite le proposte per valorizzare l’operato dei confidi 112 – ha concluso Visconti – che possano presentarsi con una maggiore reputazione, accresciuta da onorabilità, correttezza e professionalità dei propri esponenti”.
Asso112: “Aggiungere ai requisiti degli amministratori dei confidi la correttezza e la professionalità” ultima modifica: 2017-09-26T12:38:36+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: