Assoconfidi, Dotta: “Preoccupazione credito Pmi, il Governo rifinanzi il Fondo di Garanzia”

51

Assoconfidi Logo“Esprimo forte preoccupazione in relazione ad alcune notizie e a certe dichiarazioni apparse negli ultimi giorni su alcuni organi di informazione, in relazione alle risorse destinate al rifinanziamento del Fondo di Garanzia previsto nella bozza del Documento di Economia e Finanza. A nostro avviso, occorre potenziare tale strumento indispensabile per l’accesso al credito delle Pmi, valorizzando la controgaranzia attraverso i confidi”. Così Gianmarco Dotta, presidente di Assoconfidi, in una lettera aperta. 

“In merito alla bozza del nuovo Def, nella quale il Governo ha inserito norme che prevedono un rifinanziamento del Fondo di Garanzia per 2 miliardi di euro circa, Assoconfidi ritiene necessario sostenere tale iniziativa e intervenire per fornire una chiave di lettura corretta della reale situazione, prendendo le distanze da alcune notizie apparse su organi di stampa di matrice economica – continua la missiva -. Il sistema dei confidi esprime profonda preoccupazione e sconcerto rispetto al messaggio distorto che qualcuno sta cercando di far passare in queste ore, in quanto non fornisce una interpretazione chiara ed onesta della flessione di operatività del Fondo di Garanzia registrata in questi ultimi mesi, tentando di mettere in discussione uno strumento fondamentale per l’accesso al credito delle Pmi.

Riteniamo che i dati presentati riflettano da un lato la fase di start up successiva alla riforma avviata dal Fondo di Garanzia lo scorso 15 marzo e, dall’altro, scontino la mancata attuazione delle modifiche in termini di processi operativi che le banche avrebbero dovuto sostenere per ottemperare ai nuovi adempimenti previsti.

Mi preme sottolineare che fin dall’inizio eravamo consci della necessità di un periodo di assestamento nei processi bancari necessari per l’integrazione tra confidi e banche. Occorrerà infatti un congruo periodo di tempo utile per valutare compiutamente gli effetti delle nuove forme di intervento del Fondo di Garanzia.

Abbiamo accolto con favore la previsione che per la controgaranzia sia consentita la delibera ‘condizionata’ e ‘non condizionata’da parte dei confidi, ossia indifferentemente prima o dopo quella della banca, favorendo in tal modo tempi rapidi in grado di dare una tempestiva risposta alle esigenze finanziarie delle Pmi.

Anche in tale ambito, rivedere i processi bancari diventa fondamentale per sfruttare concretamente le opportunità legate alla riforma del Fondo. A tal proposito, abbiamo condiviso con ABI che, all’interno dello stesso Protocollo Abi e Assoconfidi, venisse previsto un focus volto a favorire e semplificare l’accesso delle Pmi alla controgaranzia del Fondo sui finanziamenti di minore importo richiesti dalle imprese retail, promuovendo tra l’altro una tempestiva operatività delle c.d. ‘operazioni finanziarie a rischio tripartito’.

In tema di copertura della garanzia occorrerebbe valorizzare maggiormente le opportunità previste dalla riforma in tema di riconoscimento dell’aggiuntività che i confidi possono traslare sulle banche e quindi sulle imprese grazie alla ponderazione 100% riconosciuta sulla quota garantita dai confidi autorizzati. Parimenti la differenziazione della percentuale di garanzia pubblica concessa dal Fondo in funzione del profilo di rating dell’impresa favorisce un impiego efficiente ed efficace delle risorse pubbliche, destinandole in primo luogo a quei soggetti per cui sono determinanti per accedere al credito bancario, a discapito delle mPMI che invece sono in grado di instaurare autonomamente una relazione positiva con il sistema bancario.

Occorre valorizzare ulteriormente la controgaranzia attraverso i Confidi, una modalità attraverso cui le mPmi, altrimenti escluse dai canali bancari, possono finalmente tornare ad accedere al credito, anche grazie al valore aggiunto derivante dalla presenza dei Confidi.

Assoconfidi, congiuntamente alle associazioni di categoria, ha più volte evidenziato alcune distorsioni e si è ad operata al fine di eliminare la sanzione dei 300 euro e le limitazioni contenute sulle operazioni a rischio tripartito senza trovare ancora una risposta sul punto.

Mi rivolgo quindi al governo affinché continui a sostenere il Fondo di garanzia come strumento di politica industriale in grado di favorire la ripresa dei flussi di credito alle PMI, soprattutto attraverso la controgaranzia, la quale, grazie alle attuali regole della riforma, é in grado di attivare una maggiore leva e intervenire efficacemente per lo sviluppo economico dei territori”.

Assoconfidi è l’associazione a cui aderiscono le sei Federazioni rappresentative del sistema dei confidi italiani di tutti i settori economici: FedartFidi, Federascomfidi, Federconfidi, Federfidi, Fincredit Confapi, Asscooperfidi. Conta quasi 300 strutture, ossia la quasi totalità dei soggetti operanti sul mercato, che detengono complessivamente oltre 10 miliardi di euro di garanzie in essere, rilasciate su circa 20 miliardi di finanziamenti bancari a favore di oltre 1,3 milioni di micro piccole e medie imprese.