Assomea, Allegretti: “I tempi previsti dalla normativa saranno ampiamente rispettati”

Si è tenuta presso la Banca d’Italia la prima seduta del Tavolo tecnico di lavoro per l’esame delle problematiche attinenti la costituzione dell’Organismo incaricato della tenuta degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi, che deve avvenire entro il 31 dicembre (all’art. 128-undecies del T.U. bancario e al titolo IV, capo III del d.lgs. 141/2010).

Alla prima seduta erano presenti tutte le parti in causa dalle associazioni di categoria ai rappresentanti del MEF, dall’Abi alle associazioni delle finanziarie, oltre chiaramente alla rappresentanza della stessa Bankitalia.
Il Tavolo procederà Con altre due riunioni nei prossimi giorni di marzo.
Queste riunioni serviranno per dare attuazione alla riforma della mediazione del credito, ma per avere una prospettiva chiara sulle tempistiche di entrata in vigore, proviamo a fare il punto della situazione con Eustacchio Allegretti, presidente di Assomea, che rea presente alla prima riunione.

Quali saranno le verosimilmente le tempistiche per arrivare alla definizione dell’Organismo?
“Anche se si sono diffuse voci su possibili proroghe dei termini, ritengo, supportato dalle iniziative in atto di Banca d’Italia e dal Mef, che i tempi previsti dalla normativa saranno ampiamente rispettati. Non nascondiamo che a molti farebbe piacere continuare a rimestare nel torbido ma il mercato, i consumatori, e tutti gli operatori che sono già in regola con la nuova normativa non possono attendere oltre. Vogliamo ricordare che la normativa entra in vigore, per molti punti, già dai prossimi mesi: la parte relativa alla trasparenza delle informazioni precontrattuali sarà operativa dal prossimo 19 maggio”.

Quando si potrà arrivare allo “swich-off” degli albi da Bankitalia agli elenchi del nuovo Organismo?
“Il motore della nuova legge è l’Organismo. Prima si deve procedere alla nomina dei componenti; subito dopo alla costituzione formale dell’Organismo e poi… si può partire. La data di ultimazione di tutte le procedure, anche di carattere legislativo, sarà entro il 31 dicembre dell’anno. Sono più che certo che saranno rispettate”.

Infine quando potremmo avere la piena attuazione della riforma?
“Possiamo affermare che anche se ci sono alcuni aspetti importanti da chiarire, come per esempio una precisa identificazione della figura chiave del collaboratore, dal prossimo mese di luglio ci si dovrà iniziare ad “attrezzare” seriamente se si vorrà continuare a operare tranquillamente dopo il 31 dicembre di quest’anno. Chi non sarà pronto rischia, dal primo gennaio, di dover interrompere l’attività, anche perché banche e finanziarie non si vorranno esporre a rischi di sorta, che non comporteranno solo più problematiche di natura civile, ma anche, in alcuni aspetti, penali”.

Assomea, Allegretti: “I tempi previsti dalla normativa saranno ampiamente rispettati” ultima modifica: 2011-03-04T13:51:19+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: