Assomea: “Il praticantato come fattore di innovazione e di crescita”

ASSOMEA“La profonda trasformazione che ha interessato il settore delle reti distributive, a seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs. 141/2010, ha comportato un notevole mutamento nell’organizzazione delle stesse e degli aspetti che caratterizzano la professione di agenti in attività finanziaria  e mediatori creditizi. Il primo effetto dell’introduzione del nuovo decreto è stato quello di avere determinato una considerevole riduzione degli soggetti operativi tra gli intermediari del credito. I mediatori persone fisiche, sono passati da 122.000 nel 2012 (dato Albo Uic ex Banca d’Italia) ai circa 3.900 attuali iscritti negli elenchi Oam. Anche le società di mediazione hanno subito un drastico calo passando da 9.178 a 287 unità operative. Molti operatori poco strutturati hanno abbandonato l’attività, di contro la professionalità media degli operatori rimasti è però in continuo aumento”. Lo scrive l’Assomea in una nota

“Un altro effetto riscontrabile della riforma – continua l’associazione – è stato il rafforzamento del rapporto che lega le società ai propri collaboratori. La responsabilità in capo alla mandante per l’operato dei propri collaboratori nell’esercizio della professione, ha attenzionato le società nella fase di selezione delle risorse; sono diventate quindi determinanti le attività di ricerca e di formazione dei collaboratori.

Purtroppo, negli ultimi anni, è proprio nell’attività di ricerca di nuovi collaboratori che le società di mediazione creditizia e di agenzia in attività finanziaria hanno riscontrato maggiori difficoltà, i requisiti di professionalità richiesti dalla normativa, il percorso formativo iniziale e gli aggiornamenti successivi, i processi di accreditamento con gli istituti di credito nonché ingenti costi iniziali che il collaboratore deve sostenere, creano una barriera in ingresso al nostro mercato che spesso disincentiva le nuove risorse ad approcciarsi alla nostra attività.

In questo nuovo scenario Assomea si attiverà presso le istituzioni, anche in collaborazione con le altre associazioni di settore, per cercare di individuare soluzioni tecniche ed operative che consentano per introdurre il praticantato al fine di facilitare l’accesso alla nostra professione.

A tale riguardo Assomea si farà promotrice di un convegno dedicato al tema coinvolgendo tutti gli attori interessati del settore e rappresentanti del mondo istituzionale”.

Assomea: “Il praticantato come fattore di innovazione e di crescita” ultima modifica: 2015-07-24T20:26:16+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: