Attacchi informatici, indagine Banca d’Italia: tra settembre 2015 e settembre 2016 colpito il 30,3% delle imprese

Banca d'Italia Logo UltimoIl 30,3 per cento delle imprese dichiara di aver subito danni a causa di un attacco informatico tra settembre 2015 e settembre 2016. Correggendo i risultati per tenere conto delle intrusioni non individuate o non dichiarate, l’incidenza degli attacchi sale al 45,2 per cento per le imprese e al 56 per cento per gli addetti; sono più colpite le imprese di maggiori dimensioni, quelle con elevato contenuto tecnologico e quelle esposte sui mercati internazionali. Il livello di rischio nel complesso dell’economia è probabilmente ancora più alto; il settore finanziario, così come la sanità, l’istruzione e i servizi sociali sono esclusi dal campione, ma secondo altre fonti sono particolarmente attraenti per gli attaccanti. Sono queste le principali evidenze contenute nell’occasional paper della Banca d’Italia “Attacchi informatici: evidenze preliminari dalle indagini sulle imprese”.

Consulta il testo del paper (in inglese)

Attacchi informatici, indagine Banca d’Italia: tra settembre 2015 e settembre 2016 colpito il 30,3% delle imprese ultima modifica: 2017-02-23T11:54:11+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: