AVIVA, superati gli obiettivi prefissati per il primo semestre 2011. Italia in linea con il Gruppo

Il Gruppo Aviva ha annunciato i risultati del primo semestre 2011. Nel ramo Danni i premi netti IFRS hanno raggiunto 4.708 milioni di sterline, facendo registrare un aumento del 9% rispetto allo stesso periodo del 2010.
Nel ramo Vita la raccolta ha registrato premi di nuova produzione pari a 16.147 milioni di sterline, con una contrazione dell’11% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. L’aumento delle vendite di prodotti a migliore marginalità ha portato a riscontri positivi in termini di redditività: l’IRR ha raggiunto il 14%, superando il target del 12%. Pur in un contesto economico che rimane di grande incertezza, la Compagnia conferma i propri obiettivi di crescita per la fine dell’anno.

Premi netti Danni IFRS in crescita anche per Aviva Europe, a 1.123 milioni di sterline (HY10 1.068 milioni). Il ramo Vita, a fronte di vendite diminuite del 21% a 6.289 milioni di sterline, ha registrato un IRR in crescita al 14%. Questo dato tra gli altri ha portato Aviva Europe a contribuire in maniera sensibile ai risultati del Gruppo.

In Italia, in linea con le dinamiche di Gruppo e con i trend del mercato, la nuova produzione del ramo Vita ha registrato una raccolta pari a 2.044 milioni di euro (con una contrazione del 42% rispetto al picco storico del primo semestre del 2010). Questo risultato è anche legato al cambiamento del product mix a favore di prodotti a maggiore redditività, come le Unit Linked e le polizze Protection. L’incidenza di Unit e Protection sui volumi del ramo Vita è infatti passata dal 31% del primo semestre 2010 all’attuale 46%.

Nel ramo Danni, i premi netti complessivi Ifrs hanno raggiunto i 235 milioni rispetto ai 209 milioni registrati nello stesso periodo del 2010. Un incremento del 12,4%, trainato dal canale retail.

AVIVA, superati gli obiettivi prefissati per il primo semestre 2011. Italia in linea con il Gruppo ultima modifica: 2011-09-09T06:48:21+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: