Axa Italia, Maurizio Di Fonzo nominato direttore risorse umane, organizzazione e change management di

Axa LogoMaurizio Di Fonzo è il nuovo direttore risorse umane, organizzazione e change management di Axa Italia. Di Fonzo, spiega una nota, prende il posto di Simone Innocenti, che andrà a ricoprire il ruolo di global head of talent management and development in seno al Gruppo Axa, e dell’Axa Research Fund, a diretto riporto di George Stansfield, membro dell’executive committee di Gruppo e Axa Group general counsel e head of group human resources.

“Diamo un caloroso benvenuto a Maurizio Di Fonzo nella nostra squadra – ha dichiarato Frédéric de Courtois, amministratore delegato di Axa Italia -. Sono certo che saprà mettere a disposizione della nostra azienda la sua forte e completa esperienza in ambito HR per continuare a consolidare l’immagine di Axa Italia quale azienda dalla cultura vincente basata sull’innovazione, l’imprenditorialità e la valorizzazione del capitale umano e dei talenti”.

Classe 1965, nato a Vasto (Chieti), Maurizio Di Fonzo è laureato in giurisprudenza all’Università Luiss di Roma e possiede un master in general management e diversi corsi di specializzazione tra cui “Business Case Study Method” presso la Harvard University, “Advanced Corporate Finance” presso The Wharton School e “Leadership for Energy: Executive Program” sempre alla Harvard Business School.

In precedenza ha ricoperto incarichi di crescente responsabilità sempre in ambito HR in realtà di prim’ordine nel campo dell’editoria (Gruppo Mondadori) e del settore energetico (Gruppo Enel) dove ha concluso la sua esperienza con l’incarico di responsabile personale e organizzazione della divisione generazione, energy management e mercato Italia.

In Axa Italia Maurizio Di Fonzo assumerà la qualifica di vice direttore generale e riporterà direttamente all’amministratore delegato, Frédéric de Courtois.

Axa Italia, Maurizio Di Fonzo nominato direttore risorse umane, organizzazione e change management di ultima modifica: 2015-05-05T16:06:27+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: