Axactor: fatturato di 344 milioni nel 2021

Axactor Se, gruppo multinazionale specializzato sia nella gestione dei crediti deteriorati per conto di terze parti che nell’acquisto di portafogli npl, con piattaforme operative in Finlandia, Germania, Italia, Norvegia, Spagna e Svezia, ha diffuso oggi i dati preliminari del quarto trimestre 2021, pari a 86 milioni di euro. Sommati ai risultati dei trimestri precedenti, hanno portato la società a chiudere l’anno con un fatturato complessivo pari a 344 milioni di euro, con un cash Ebitda pari a 224 milioni.

 “Sono pienamente convinto che Axactor sia sulla strada giusta. I portafogli NPL di proprietà producono ottimi rendimenti e abbiamo significativamente ridotto il costo del funding. I clienti della business line dedicata al Servicing ci danno riscontri molto positivi sulla qualità del nostro servizio, mentre vediamo migliorare costantemente l’efficienza dei nostri processi di collection. Abbiamo messo basi solide per un futuro di successo”, ha dichiarato il ceo Johnny Tsolis .

 “Ottime le prospettive e i risultati delineati dal gruppo che ci spronano a raggiungere con successo obiettivi sempre più importanti. Anche i numeri di chiusura di Axactor Italy, nonostante l’incertezza provocata dalla crisi sanitaria globale, paiono confermare il trend di crescita avviato negli anni passati. Nel 2021 abbiamo infatti attivato nuove partnership strategiche e completato l’acquisizione di CR Service, al fine di consolidare il nostro posizionamento nel mercato del Servicing. Il 2022, già dal primo trimestre, presenta una pipeline molto interessante”, ha aggiunto Antonio Cataneo, ad di Axactor Italy e Cr Service.