Banca Carige, approvati i risultati al 30 settembre. Aumento del 6,7% dell’utile consolidato ante imposte. Andamento stabile rispetto ai nove mesi 2008

Prosegue a dinamica finanziaria positiva del gruppo Carige. Nei primi 9 mesi del 2009 si è registrato una crescita del 6,7% dell’utile ante imposte (251milioni) e dello 0,2% dell’utile netto su base annua (163,3 milioni sui 163 milioni dei nove mesi 2008). I risultati della gestione al 30 settembre sono stati illustrati il 9 novembre dal direttore generale dell’istituto, Alfredo Sanguinetto, e sono stati approvati dal Consiglio di amministrazione presieduto da Giovanni Berneschi.

Nonostante lo scenario macroeconomico recessivo, nei primi nove mesi del 2009 è proseguita positivamente la dinamica dell’intermediazione tradizionale, sostenuta dall’acquisizione di 40.000 nuovi correntisti nei nove mesi e dal contributo dei rami d’azienda acquisiti nell’esercizio 2008 da Intesa Sanpaolo (79 sportelli) e da Unicredit (40 sportelli)” si legge in una nota del gruppo bancario. In particolare, lo sviluppo è stato supportato dalla crescita della raccolta diretta – in particolare nella componente dei conti correnti e depositi (39,9% annuo) – che ha permesso al gruppo di mantenere una significativa dotazione di liquidità e di proseguire nel finanziamento all’economia attraverso gli impieghi alla clientela il cui aumento del 12,1% ha riguardato soprattutto la componente a medio lungo termine erogata alle imprese. Nell’ambito della raccolta indiretta i migliori risultati sono legati al collocamento dei prodotti bancario-assicurativi che presentano una crescita del 30,5%.

In ottica di più lungo periodo il successo della tranche inaugurale di obbligazioni bancarie garantite collocata nello scorso mese di ottobre – a valere sul programma di emissione avviato nel 2008 avente una durata di 5 anni per un importo massimo di 5 miliardi di euro – che ha permesso diraccogliere 1 miliardo sul mercato istituzionale e l’emissione di obbligazioni convertibili, delineata infra rappresentano nuove opportunità di crescita. Tali operazioni consentiranno infatti il raggiungimento del duplice obiettivo di mantenere, anche in prospettiva, adeguati livelli di patrimonializzazione ed elevate dotazioni di liquidità, che potranno essere destinate a garantire un ulteriore sostegno alle imprese ed alle famiglie, contribuendo così al superamento della difficile congiuntura macroeconomica. “Quando lo scenario economico e il contesto di estrema volatilità dei mercati si saranno stabilizzati Banca Carige procederà all’aggiornamento del piano strategico redatto nel 2007, ritenuto non più attuale in ragione del mutato contesto economico e finanziario nazionale e internazionale” conclude il comunicato dell’istituto di credito.

Il resoconto intermedio di gestione al 30 settembre sarà disponibile entro il 14 novembre 2009 sul sito internet: www.gruppocarige.it

Banca Carige, approvati i risultati al 30 settembre. Aumento del 6,7% dell’utile consolidato ante imposte. Andamento stabile rispetto ai nove mesi 2008 ultima modifica: 2009-11-10T10:12:41+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: