Banca Carige, nel I trimestre perdita netta di 41,1 milioni

Banca Carige LogoBanca Carige ha chiuso il primo trimestre con una perdita netta consolidata di 41,1 milioni dopo aver contabilizzato 72 milioni di rettifiche nette sui crediti. Lo comunica una nota del gruppo bancario genevose.

Per quanto riguarda i coefficienti di liquidità e patrimonio, il primo è pari al 119% superiore la target Srep della Bce (90%), per i secondi: Total capital ratio al 13,2% e Cet1 (phased-in) al 10,9%.

Le rettifiche di valore nette su crediti passano da 89,8 a 76,2 milioni di euro e il portafoglio crediti deteriorati si mantiene a 7,2 miliardi di euro in termini di lordo, mentre l’ammontare netto registra un calo da 4,0 a 3,9 miliardi di euro con un aumento del coverage di un punto percentuale al 46,4 per cento.Le sofferenze mostrano una copertura al 63,4 per cento.
La nota del gruppo indica un Common Equity Tier 1 (CET1) Ratio phased-in al 10,9%, superiore ai limiti regolamentari e della soglia minima del 9% che la Bce ha richiesto in sede di SREP per il 2017, ma al di sotto della soglia raccomandata (che include anche la Pillar 2 Capital Guidance) pari all’11,25%. La banca evidenzia al riguardo che pesa sulla diminuzione del CET1 la maggiore deduzione della quota delle DTA computabili (80% sulla base delle regole transitorie 2017 vs 60% delle regole transitorie 2016) pari a circa 55 bps.

Il gruppo ha ribadito l’impegno nel piano strategico al 2020 con la costituenda Carige Reoco Spa che dovrà acquisire, valorizzare e massimizzare il recupero economico proveniente da iniziative immobiliari finanziate dalla banca.

A fine aprile il gruppo ha approvato la cessione a un veicolo di *cartolarizzazione *con garanzia pubblica Gacs di un portafoglio di deteriorati da circa 950 milioni di euro: la deadline per l’operazione è fissata al prossimo 30 giugno.

Leggi il comunicato di Banca Carige

Banca Carige, nel I trimestre perdita netta di 41,1 milioni ultima modifica: 2017-05-15T20:37:30+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: