Banca d’Italia, cessazione della tenuta degli elenchi generale e speciale degli intermediari finanziari

Banca d'Italia Logo 2Con la conclusione del periodo transitorio disciplinato dall’art. 10 del decreto legislativo n.141/2010, la Banca d’Italia cessa oggi la tenuta degli elenchi generale e speciale degli intermediari finanziari, di cui agli articoli rispettivamente 106 e 107 del T.u.b. nella versione antecedente alla riforma introdotta dal citato decreto. Tutti i soggetti ancora iscritti vengono cancellati. Da tale data, possono continuare a esercitare l’attività di concessione di finanziamenti nei confronti del pubblico, come definita dal T.u.b. e dalle relative norme di attuazione (decreto ministero n. 53/2015), soltanto gli intermediari che, avendo presentato istanza nei termini previsti per l’iscrizione nel nuovo albo ex art. 106 T.u.b., hanno un procedimento amministrativo avviato ai sensi della l. n. 241/90 e non ancora concluso.

Con riferimento agli albi ed elenchi di vigilanza pubblicati sul sito della Banca d’Italia, a causa della numerosità degli interventi da effettuare sugli archivi e delle verifiche da svolgere, la funzione di ricerca degli intermediari già iscritti nell’elenco generale potrebbe fornire informazioni non aggiornate fino a lunedì 16 maggio.

Per conoscere la situazione relativa a un intermediario a suo tempo iscritto negli elenchi generale o speciale si potrà utilizzare la funzione “Ricerca storica”, inserendo la denominazione e/o il numero meccanografico dell’intermediario. In risposta, il sistema indicherà la cancellazione dall’elenco di provenienza in data 12 maggio 2016 e, a partire dal 13 maggio, solo in pendenza di un procedimento di iscrizione al nuovo albo, l’informazione che l’intermediario può proseguire temporaneamente nell’attività ai sensi dell’art. 10 del d.lgs. n. 141/2010.

Leggi il comunicato

Banca d’Italia, cessazione della tenuta degli elenchi generale e speciale degli intermediari finanziari ultima modifica: 2016-05-12T13:54:05+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: