Banca d’Italia ha emanato le disposizioni in materia di anti riciclaggio e terrorismo

Sono state emanate dalla Banca d’Italia, d’intesa con Consob e Isvap, le disposizioni in materia di organizzazione, procedure e controlli interni che gli intermediari bancari e finanziari devono adottare a fini di prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento al terrorismo.

Lo schema di provvedimento a suo tempo pubblicato ai fini della consultazione è stato modificato alla luce dei commenti pervenuti.
Le nuove disposizioni sono finalizzate a proteggere l’integrità degli intermediari, quindi ad assicurare la stabilità del sistema.

In coerenza con l’impostazione delle norme di vigilanza in tema di governance e compliance, le disposizioni sono strutturate in principi e linee-guida e rimettono all’autonomia degli intermediari e degli operatori la concreta individuazione delle soluzioni organizzative più idonee, in base al principio di proporzionalità.

L’adeguatezza delle soluzioni organizzative adottate in materia di antiriciclaggio rientra tra le verifiche che la Banca d’Italia svolge sugli intermediari vigilati.

Le disposizioni entreranno in vigore il 1° settembre 2011.

Provvedimento recante disposizioni attuative in materia di organizzazione, procedure e controlli interni volti a prevenire l’utilizzo degli intermediari e degli altri soggetti che svolgono attività finanziaria a fini di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo, ai sensi dell’art. 7 comma 2 del Decreto
Legislativo 21 novembre 2007, n. 231

Banca d’Italia ha emanato le disposizioni in materia di anti riciclaggio e terrorismo ultima modifica: 2011-03-12T09:19:48+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: