Banca d’Italia, Signorini: “Dalla Brexit nessun grande effetto immediato sullʼItalia”

Banca d'Italia Logo UltimoLa Brexit non è destinata a produrre “grandi ripercussioni dirette e immediate sull’economia e sul sistema bancario italiano”. Così il vicedirettore generale della Banca d’Italia, Luigi Federico Signorini, parlando davanti alla Commissione Esteri della Camera.

“Non è invece da escludersi che le difficoltà del negoziato, specie se interagiranno con un addensarsi dell’incertezza politico-istituzionale in ambito europeo e globale, possano a un certo punto contribuire a creare nuove turbolenze di mercato – ha aggiunto l’economista della Banca d’Italia -. Difficilmente l’Italia ne sarebbe immune. Per noi, il solo modo di prepararci è quello di rafforzare la stabilità interna, por mano a tutti gli elementi di fragilità percepiti dai mercati, proseguire il cammino delle riforme. Quello che accadrà a più lungo termine è ancor più difficile da prevedere. La storia insegna che l’apertura dell’economia è, a lungo andare, un potente fattore di sviluppo; all’economista riesce difficile credere che si possa favorire la prosperità di un paese ponendo ostacoli alla circolazione dei beni, dei capitali, delle persone. Molto, naturalmente, dipenderà dagli accordi commerciali e finanziari che si troveranno per il futuro, e dagli sviluppi del contesto mondiale. In ogni caso è un rischio che corre il Regno Unito, più che il resto d’Europa o del mondo. Consentitemi di chiudere dicendo che, personalmente, sentirò la mancanza dei colleghi britannici nelle istituzioni europee a cui partecipo: non solo per la loro competenza e preparazione, sempre da ammirare, ma anche per l’atteggiamento pragmatico, anti-burocratico, aperto al mercato che come regola li contraddistingue. Spero solo che quarant’anni di lavoro in comune abbiano consentito, tanto a noi, quanto a loro, di imparare dalle qualità migliori degli altri”.

Articoli che potrebbero interessarti:

Banca d’Italia, Signorini: “Dalla Brexit nessun grande effetto immediato sullʼItalia” ultima modifica: 2017-04-27T10:00:10+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA