Banca Etica, utile netto oltre i 3 milioni nel I semestre

Banca Etica Banca popolare Etica LogoBanca Etica ha reso noti i risultati del I semestre 2018:

  • l’utile netto supera i 3 milioni di euro;

  • i prestiti a persone, organizzazioni e imprese hanno raggiunto gli 882 milioni € (+5% rispetto alla fine del 2017);

  • la raccolta diretta di risparmio ammonta a 1.455 milioni (+5,9% rispetto alla fine del 2017);

  • la raccolta indiretta (fondi di Etica sgr) è di 588 milioni € (+2,6% rispetto alla fine del 2017);

  • le sofferenze nette sugli impieghi netti restano molto contenute a quota 0,80% (la media del sistema bancario è del 2,84% – dato al 31 maggio);

  • l’indice di patrimonializzazione CET 1 ratio è pari a 11,87%;

  • il capitale sociale ammonta a quasi 66 milioni di euro.

Per dare sempre più credito a persone, imprese e organizzazioni che lavorano per lo sviluppo sostenibile e solidale del nostro paese, Banca Etica ha lanciato una nuova offerta di azioni ordinarie di propria emissione. La pubblicazione del prospetto informativo è stata autorizzata da Consob lo scorso 2 agosto e il collocamento – iniziato il 13 agosto 2018 –  sarà aperto fino al 31 gennaio 2019. Le azioni di Banca Etica sono offerte al pubblico al prezzo unitario di 57,50 €, corrispondente al valore nominale pari a Euro 52,50, maggiorato di un sovraprezzo di Euro 5,00. Il lotto minimo di adesione per i richiedenti non soci è di minimo 5 azioni. Si può diventare clienti e soci anche via web e smartphone.

“In tutta Europa la finanza etica sta crescendo a ritmo sostenuto. In questi 10 anni dallo scoppio della più grave crisi finanziaria, economica e sociale dal dopoguerra sempre più persone e organizzazioni stanno scegliendo intermediari finanziari impegnati per la legalità, lo sviluppo sostenibile e inclusivo, la trasparenza. Banca Etica è l’unico istituto italiano che fa parte del network internazionale di banche sostenibili Global Alliance for Banking on Values ed è anche alla presidenza di  Febea (Federazione Europea Banche Etiche e alternative). Per poter dare sempre più credito alle imprese e alle persone che hanno progetti innovativi con impatto sociale e ambientale positivo dobbiamo aumentare il nostro capitale sociale: per ogni 500 euro di nuovo capitale possiamo erogare 7.500 euro di crediti in più”, ha sottolineato il presidente di Banca Etica, Ugo Biggeri.

E proprio in questi giorni Caritas Italiana ha deliberato di aumentare la propria partecipazione in Banca Etica arrivando a detenere l’1% del capitale sociale, la quota massima che è possibile avere in una banca popolare. “Caritas è socia e cliente di Banca Etica sin dalle origini per l’evidente coerenza di vedute e di valori che mettono al primo posto i diritti delle persone e la tutela del creato. La scelta di arrivare all’1% del capitale in questo momento vuole dare concretezza all’impegno per costruire un sistema economico che non sacrifichi le persone e l’ambiente in nome dei profitti di pochi”, ha aggiunto don Francesco Soddu, direttore Caritas Italiana.

Banca Etica, utile netto oltre i 3 milioni nel I semestre ultima modifica: 2018-09-27T13:08:43+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: