Banca Finnat chiude il I semestre con utili in crescita dell’80,7%

37

Banca Finnat LogoIl consiglio di amministrazione di Banca Finnat Euramerica s.p.a. ha esaminato ed approvato i dati preliminari consolidati relativi al bilancio semestrale del Gruppo al 30 giugno 2019.

Risultati consolidati al 30 giugno 2019
Il Margine d’Intermediazione è pari ad € 35.237 migliaia, in crescita di quasi l’8% da € 32.744 migliaia al 30.06.2018. Tale incremento, pari a € 2.493 migliaia, è attribuibile, principalmente, all’aumento del Margine d’Interesse (+53%) ed alla crescita delle Commissioni nette (+3,5%).

L’incremento del Margine d’Interesse pari ad € 2.724 migliaia, da € 5.098 migliaia al 30.06.2018 ad € 7.822 migliaia, è stato determinato principalmente dal positivo contributo delle operazioni sul portafoglio di proprietà in Titoli di Stato e dalla crescita del margine di interesse sui finanziamenti alla clientela.

L’incremento delle Commissioni Nette pari ad € 874 migliaia, da € 24.863 migliaia al 30.06.2018 ad € 25.737 migliaia, è attribuibile principalmente alla crescita delle commissioni da attività di gestione di fondi immobiliari; per quanto concerne i servizi prestati dalla Banca si rileva una crescita delle commissioni ricorrenti, in particolare consulenza finanziaria e collocamento di prodotti assicurativi, compensata da minori commissioni di consulenza alle società quotande e da operazioni di collocamento titoli.

È risultata in crescita al 30.06.2019 anche la voce dividendi e proventi simili, da € 1.993 migliaia al 30.06.2018 ad € 2.304 migliaia, mentre il Risultato Netto delle altre Attività finanziarie obbligatoriamente valutate al fair value ha fatto registrare un saldo negativo di € 1.250 migliaia contro un saldo negativo di € 693 migliaia al 30.06.2018.

Si registra, infine, un calo del risultato netto dell’attività di negoziazione di Banca Finnat, pari ad € 233 migliaia, per effetto di minori utili e plusvalenze sul portafoglio di negoziazione ed una diminuzione della voce Utile (perdite) da cessione o riacquisto di attività finanziarie pari ad € 626 migliaia.

Il conto economico di Banca Finnat
Riprese di valore nette per rischio di credito per complessivi € 701 migliaia relative ad Attività finanziarie valutate al costo ammortizzato (per € 480 migliaia) ed Attività valutate al fair value con impatto sulla redditività complessiva (per € 221 migliaia). Al 30 giugno 2018 erano state invece effettuate Rettifiche di valore sulle Attività finanziarie valutate al costo ammortizzato e su Attività valutate al fair value con impatto sulla redditività complessiva rispettivamente per € 1.194 migliaia ed € 247 migliaia.

Spese amministrative (Spese per il personale e Altre spese amministrative) da € 28.415 migliaia al 30.06.2018 ad € 28.654 migliaia (+0,84%). Si rileva, tuttavia, che l’applicazione del nuovo principio contabile IFRS 16 prevede la contabilizzazione dei canoni di locazione, anziché nelle voci in esame, tra gli oneri per ammortamento del diritto d’uso per un importo pari a € 1.465 migliaia; conseguentemente le Rettifiche di valore su Attività materiali ed immateriali passano da € 314 migliaia al 30.06.2018 a € 1.773 migliaia.

Altri Proventi di Gestione per € 3.241 migliaia contro € 3.223 migliaia del corrispondente periodo del 2018.

Una Imposizione fiscale sul reddito d’esercizio di € 2.949 migliaia rispetto ad € 1.863 migliaia al 30.06.2018.

Un Utile Netto di Gruppo attestato ad € 4.313 migliaia da € 2.387 migliaia del corrispondente periodo del precedente esercizio.

Il Patrimonio di Vigilanza consolidato alla data del 30 giugno 2019 è pari a € 169,3 milioni, con un CET 1 Capital Ratio consolidato del 29,6% calcolato in base alle disposizioni transitorie previste a seguito dell’entrata in vigore del nuovo principio contabile IFRS 9. Al netto di tali disposizioni transitorie, il CET 1 Capital Ratio consolidato sarebbe pari al 29,4%.

Il consiglio di amministrazione si riunirà il prossimo 13 settembre 2019 per l’approvazione della relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2019.