Banca Finnat, utili in crescita dell’88,9% nel primo semestre

Banca Finnat LogoNel corso della presentazione del nuovo piano industriale 2015-2017, varato a fine luglio, l’ad Arturo Nattino di Banca Finnat ha sottolineato che dopo Cesare Ponti, “che era per noi molto interessante e non è andata in porto”, il piano prevede una crescita per vie interne con l’assunzione di 19 nuovi private bankers nei prossimi anni.

“È la chiave di volta del piano per la parte mobiliare – ha aggiunto Nattino – mentre per l’immobiliare prevediamo di aumentare il numero dei fondi per crescere nelle masse”. 

Banca Finnat, informa una nota, ha chiuso il primo semestre del 2104 con un utile netto di 4,13 milioni di euro, in crescita dell’88,9% su base annua e con un margine di interesse in calo del 28,7% a 4,99 milioni di euro.

Per il triennio 2015/2017, Banca Finnat punta a una crescita della raccolta indiretta, da clientela private, superiore a 400 milioni di euro con l’inserimento appunto di 19 nuovi private banker da aggiungere all’attuale team di 31. Le masse totali sono viste in aumento a un tasso medio annuo del 9% per raggiungere i 17 miliardi di euro dai 13 miliardi registrati a fine giugno, mentre la raccolta indiretta dovrebbe passare dai 4,6 miliardi di fine giugno a 5,5 miliardi al 2017 per effetto della crescita del risparmio gestito. Quanto al margine di intermediazione dovrebbe raggiungere a fine piano quota 71,6 milioni con un cost/income ratio al 70,8%, mentre l’utile netto attestarsi a 8,8 milioni (roe al 3,9%). Il management della banca ha anche previsto che il Tier 1 ratio e il Total Capital ratio si manterranno su livelli elevati, raggiungendo entrambi a fine 2017 circa il 27%.

Banca Finnat, utili in crescita dell’88,9% nel primo semestre ultima modifica: 2015-09-27T10:57:48+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: