Banca Monte dei Paschi: approvati i risultati al 30 settembre 2012. Perdite per 1.665 milioni

Il consiglio di amministrazione di Banca Monte dei Paschi di Siena ha esaminato ed approvato ieri i risultati del terzo trimestre 2012. Nel terzo trimestre 2012, si legge in un comunicato dell’istituto, in un quadro congiunturale di forte recessione, si è registrato un allentamento delle tensioni sui mercati finanziari e del debito sovrano. A seguito dell’annuncio del possibile piano di acquisti di bond governativi da parte della BCE, lo spread BTP-Bund è sceso sotto i 315 pb e, allo stesso tempo, i mercati azionari hanno segnato un’inversione di tendenza, con i Paesi europei “core” che hanno recuperato in misura decisa, mentre in Italia il FTSEMIB si è attestato ai livelli di inizio periodo. I tassi di interesse, dopo il taglio della BCE di 25 pb, hanno registrato un’ulteriore, brusca discesa (l’Euribor ad 1M ha raggiunto il minimo attorno agli 11 pb), ed è continuato il processo di progressivo appiattimento della curva per scadenze. Relativamente all’economia reale l’Italia si conferma in recessione e, secondo le previsioni di consenso, nella media di quest’anno il PIL dovrebbe diminuire di oltre due punti percentuali. In tale contesto, ancora fragile ed incerto, il Gruppo ha operato al fine di espandere i volumi di raccolta con clientela commerciale, in particolare la componente diretta, che ha permesso di ridurre l’esposizione in BCE. Gli impieghi hanno registrato una dinamica sostanzialmente stazionaria, a riflesso di una ridotta domanda di credito, mentre sono aumentati i crediti deteriorati. Sul fronte degli attivi finanziari, il portafoglio titoli ha beneficiato della ripresa di valore delle posizioni valutate al fair value, grazie al calo dello spread Italia, e conseguentemente è migliorato il saldo delle riserve patrimoniali da valutazione.

Tali dinamiche operative e di contesto si sono riflesse sui risultati economici correnti del Gruppo che, nel terzo trimestre, ha realizzato una flessione dei ricavi primari soprattutto a causa della riduzione del margine di interesse, che ha scontato l’ulteriore calo dei tassi, mentre le commissioni nette si sono attestate sullo stesso livello del trimestre precedente, beneficiando dell’accelerazione dell’attività commerciale impressa dall’avvio del Piano Industriale. Allo stesso tempo, il Gruppo ha proseguito nel proprio obiettivo di miglioramento dell’efficienza operativa, accelerando il setup delle azioni previste nel Piano Industriale 2012-2015 al fine di rilanciare tempestivamente lo sviluppo del business.

I risultati di conto economico di Gruppo al 30 Settembre 2012

Nei primi nove mesi del 2012, il margine della gestione finanziaria e assicurativa del Gruppo si è attestato a circa € 4.182 milioni, in crescita rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+€ 30 milioni; +0,7% a/a), con un contributo del 3° trimestre di circa € 1.375 milioni superiore al risultato conseguito nel 2° trimestre 2012 (+€ 41,5 milioni; +3,1% t/t) grazie all’incremento degli altri ricavi della gestione.

  • Il progressivo da inizio anno del margine di intermediazione primario ha raggiunto circa € 3.619 milioni (circa € 3.874 milioni il risultato dei primi nove mesi del 2011) con un gettito del 3° trimestre 2012 di circa € 1.129 milioni, in calo del 5,3% sul trimestre precedente. In particolare:

–          Il margine di interesse si è attestato a circa € 2.369 milioni (€ 2.512 milioni al 30/09/2011) con un contributo del 3° trimestre di circa 716 milioni, in flessione dell’8,2% rispetto al 2° trimestre 2012. In uno scenario caratterizzato da tassi di mercato in flessione (Euribor 1 mese medio del 3° trimestre 2012 attorno a 16 pb, in riduzione di circa 23 pb rispetto al valore medio registrato nel 2° trimestre 2012) e da spread creditizi ancora su livelli elevati (spread BTP-Bund superiore a 300 pb), la dinamica trimestrale dell’aggregato è stata penalizzata dalla sostanziale incomprimibilità del costo della raccolta commerciale e dalla riduzione del rendimento dell’attivo a seguito del repricing delle componenti indicizzate ai parametri di mercato.

Le commissioni nette sono risultate pari a circa € 1.250 milioni (€ 1.362 milioni al 30/09/2011), su cui incidono anche gli oneri connessi al costo delle garanzie Monti Bond per circa € 75 milioni. Il  gettito del 3° trimestre 2012 è stato di circa € 413 milioni, confermandosi  sui medesimi livelli del trimestre precedente (+0,1% t/t) grazie anche all’accelerazione commerciale impressa dall’avvio del Piano Industriale (pacchetto di iniziative denominate “Piano dei 100 giorni”), che ha consentito di recuperare il rallentamento dell’attività tipico dei mesi estivi. Analizzando in dettaglio l’aggregato si rileva, nel trimestre, una crescita delle commissioni da collocamento dei prodotti di gestione del risparmio e di quelle rivenienti dal servizio estero, compensato dal calo dei proventi rivenienti dal credito e dagli altri servizi.

  • Il progressivo da inizio anno del risultato netto da negoziazione-valutazione-riacquisto di attività/passività finanziarie è stato pari a circa € 504 milioni (circa € 217 milioni il valore realizzato nei primi nove mesi del 2011) con un impatto positivo del 3° trimestre di circa € 233 milioni così composto:

–          Un contributo dell’attività di negoziazione positivo per circa € 32 milioni (€ -15,3 milioni registrati nel 2°trimestre 2012), che ha beneficiato della distensione delle condizioni dei mercati finanziari che ha favorito in particolare l’attività di MPS Capital Services.

–          Un risultato da cessione/riacquisto di crediti e passività/attività finanziarie disponibili per la vendita pari a circa € 194 milioni riconducibile prevalentemente alla plusvalenza realizzata a seguito dell’operazione di offerta pubblica di scambio effettuata nel mese di luglio parzialmente compensata da altri effetti non ricorrenti.

–          Un risultato netto delle attività/passività finanziarie valutate al fair value pari a € 6,3 milioni (€ 112,4 milioni il valore del 2°trimestre 2012) quale effetto della variazione di valore delle obbligazioni BMPS collocate presso istituzionali per la componente non completamente coperta dal rischio di credito.

Contribuiscono alla formazione del margine della gestione finanziaria e assicurativa le voci:

  • Dividendi, proventi simili e utili (perdite) delle partecipazioni: saldo positivo per € 56,6 milioni (€ 61,5 milioni al 30/09/2011; € 17,5 milioni il contributo del 3° trimestre 2012), riconducibili essenzialmente agli utili delle partecipazioni consolidate al patrimonio netto, al cui interno il contributo del comparto assicurativo di AXA-MPS è di circa € 52 milioni.

  • Risultato netto dell’attività di copertura: risulta positivo per € 1,5 milioni (contro € -1,3 milioni al 30/09/2011; € -3,6 milioni il valore registrato nel 3° trimestre 2012).

Le rettifiche nette di valore per deterioramento di crediti si sono attestate a circa € 1.300 milioni (+56% su 30/09/2011), con un’incidenza del 3° trimestre 2012 pari a circa € 461 milioni, in crescita del 12,8% sul trimestre precedente. Tale valore è riconducibile ad un aumento dei crediti deteriorati (circa +€ 1,4 miliardi), in particolare incagli e sofferenze. Il rapporto tra le rettifiche di periodo annualizzate e gli impieghi verso clientela, nel quadro di una politica sempre rigorosa in termini di accantonamenti, esprime un tasso di provisioning di 119 pb, in crescita di 3 pb rispetto al dato rilevato a fine giugno 2012 (89 pb il tasso di provisioning dell’intero 2011).

La percentuale di copertura dei crediti deteriorati è scesa al 38,4%, (-80 pb rispetto al 30/06/2012) a causa della riduzione del coverage degli incagli (passato da 21,6% di giugno all’attuale 20,3%) in relazione ai flussi di ingresso maggiormente riferibili ad esposizioni assistite da garanzie reali nonché ad una più elevata incidenza della componente “incaglio oggettivo” che, stante il miglior “cure rate”, si caratterizza per una percentuale media di copertura più contenuta. Il coverage delle sofferenze è risultato pari al 55%, sostanzialmente sui livelli registrati al 30/06/2012 (-20 pb).

Le rettifiche di valore nette per deterioramento di attività finanziarie risultano negative per € 129,5 milioni (€ -96,3 milioni al 30/09/2011; € -13,8 milioni nel 3° trimestre 2012) per effetto prevalentemente di svalutazioni su strumenti finanziari convertibili, titoli di capitale quotati e OICR classificati AFS, soggetti ad impairment.

Conseguentemente, il risultato della gestione finanziaria ed assicurativa si attesta a circa € 2.752 milioni (circa € 3.222 milioni al 30/09/2011; -14,6% a/a), con un contributo del 3°trimestre 2012 di circa € 900 milioni (+10,5% sul trimestre precedente).

  • Gli oneri operativi sono risultati pari a circa € 2.491 milioni, sostanzialmente stabili sull’anno precedente (+0,5% a/a) ma in calo trimestre su trimestre (-2,3%).

All’interno dell’aggregato:

–          I costi del personale sono risultati pari a circa € 1.546 milioni (-0,3% a/a).

–          Le altre spese amministrative, (al netto delle imposte di bollo e dei recuperi spese da clientela), sono risultate pari a circa € 805 milioni, (-0,3% a/a).

–          Le rettifiche di valore nette su attività materiali ed immateriali si sono attestate a circa € 140 milioni (€ 119,6 milioni al 30/09/2011, +16,7%).

Per effetto delle dinamiche sopra descritte, il Risultato Operativo Netto si colloca a circa € 261 milioni (€ 743,6 milioni al 30/09/2011) con un’incidenza del 3° trimestre 2012 di € 78,5 milioni (rispetto a € -26,4 milioni del trimestre precedente).

L’indice di cost-income si attesta a 59,6%, sostanzialmente in linea con il dato registrato a fine giugno (+10 pb) ed inferiore rispetto a fine 2011 (quando era pari a 63,8%).

Alla formazione del risultato di periodo concorrono principalmente:

  • Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri ed altri oneri/proventi di gestione, che si attestano a circa € -175 milioni (erano circa € -173 milioni al 30/09/2011), con un’incidenza del 3° trimestre 2012 di circa € -47 milioni in calo rispetto al trimestre precedente. L’aggregato risulta composto da:

–          Accantonamenti al fondo rischi e oneri pari a € -87,3 milioni, dei quali circa € -26 milioni riferiti al 3° trimestre 2012 e concentrati prevalentemente su appostazioni per cause legali.

–          Altri oneri/proventi di gestione per € -87,8 milioni, con un’incidenza del 3° trimestre 2012 di circa € -21 milioni che si confronta con un 2° trimestre 2012 pari a € -57 milioni inclusivo di componenti one-off relative alla sistemazione contabile dei disallineamenti tra le risultanze gestionali e quelle amministrativo-contabili, con riguardo alla gestione amministrativa del personale.

  • Oneri di ristrutturazione/Oneri una tantum, pari a circa € -32,7 milioni relativi alla manovra sui dirigenti inserita nel Piano Industriale e agli oneri di ristrutturazione accantonati a fronte della chiusura di circa 400 filiali anch’essa prevista dal Piano Industriale.

  • Utili da cessione di investimenti, pari a € 7,2 milioni (€ 34,3 milioni al 30/09/2011) con un contributo del 3° trimestre di € 6,4 milioni riconducibili alla plusvalenza realizzata a seguito della cessione di un cespite immobiliare.

L’utile dell’operatività corrente al lordo delle imposte si attesta a circa € 60,1 milioni (€ 574,1 milioni al 30/09/2011; € 27,6 milioni il contributo del 3° trimestre 2012).

Incidono sul risultato netto di periodo anche i seguenti aggregati:

  • Le imposte sul reddito dell’esercizio dell’operatività corrente, per circa € -120 milioni (circa € -222 milioni al 30/09/2011). L’aggregato ha risentito dell’effetto positivo derivante dalla rilevazione di crediti d’imposta per circa € 114 milioni (contabilizzate al 30/06/2012) derivante dalla deducibilità ai fini IRES, dell’IRAP relativa alla quota imponibile delle spese di personale per gli esercizi d’imposta precedenti il 2012.

  • L’utile dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte, pari a € 13,8 milioni, comprende essenzialmente i valori rivenienti da Biverbanca.

  • L’utile di periodo di pertinenza di terzi, pari a € 5,4 milioni (€ 1,1 milioni nel 3° trimestre 2012).

Il risultato di periodo consolidato ante effetti della Purchase Price Allocation (PPA) e degli impairment relativi ad avviamenti, intangibili e AM Holding registra una perdita pari a € 51,7 milioni (€ 372 milioni l’utile al 30/09/2011).

In sede di redazione della semestrale 2012 in considerazione del peggioramento dello scenario macroeconomico deterioratosi significativamente nel corso degli ultimi mesi, nonché del peggioramento delle previsioni del settore bancario nel periodo 2012 – 2015 e del Piano Industriale del Gruppo 2012 – 2015 approvato in data 26 giugno 2012, si è provveduto ad eseguire l’Impairment Test degli avviamenti iscritti in Bilancio. Tale verifica ha evidenziato la necessità di procedere ad una svalutazione dell’avviamento consolidato per 1.528 milioni, allocata per circa 1.436 milioni sulla CGU Privati BMPS e per circa 92 milioni sulla CGU Privati BAV.

Inoltre, in considerazione dei progetti di Piano Industriale si è provveduto alla svalutazione integrale del valore del marchio Banca Antonveneta per 15,2 milioni netti. Alle rettifiche di valore anzidette si devono poi aggiungere: la svalutazione della partecipazione detenuta in AM Holding (14,3 milioni) e quella delle attività immateriali per sopravvenuta obsolescenza di alcuni applicativi software (17 milioni netti).

Considerando gli effetti netti della PPA (circa 39 milioni) e le svalutazioni sopracitate (complessivamente pari a 1.574 milioni), la perdita dei primi nove mesi del 2012 ammonta a circa 1.665 milioni (303,5 milioni l’utile registrato nello stesso periodo del 2011).

Gli aggregati patrimoniali di Gruppo al 30 Settembre 2012

Al 30/09/2012 i volumi di raccolta complessiva del Gruppo si sono attestati a circa € 258 miliardi, in calo dell’1,3% rispetto ai livelli di giugno. Più in dettaglio:

A fine settembre, la raccolta diretta del Gruppo è risultata pari a circa € 135 miliardi, con un incremento di circa € 3 miliardi rispetto al 30/06/2012 (+2,2%) realizzato prevalentemente grazie allo sviluppo dei rapporti con clientela commerciale (soprattutto Aziende e Privati) ed in misura minore al funding con controparti istituzionali (con riduzione delle obbligazioni e crescita delle operazioni in pronti contro termine).

I volumi di raccolta indiretta del Gruppo si sono attestati a circa € 122 miliardi, in riduzione del 4,9% sul 30/06/2012 e del 6,7% rispetto al 30/09/2011, soprattutto a causa del calo del risparmio amministrato. Il risparmio gestito, pari a circa € 45 miliardi, ha registrato nel trimestre una crescita di circa € 500 milioni (+1,1%; -3,8% sul 30/09/2011), beneficiando della ripresa di valore delle attività finanziarie. All’interno dell’aggregato, la componente assicurativa, pari a circa € 22,4 miliardi si è mantenuta sostanzialmente sui livelli di fine giugno 2012 (-9,4% sul 30/09/2011) con una raccolta premi trimestrale di circa € 900 milioni sostenuta dai prodotti Unit Linked. I Fondi comuni di investimento/Sicav, che incidono per circa € 15,9 miliardi, sono aumentati del 3,2% rispetto al 30/06/2012 (-4,8% sul 30/09/2011) grazie ad un effetto mercato positivo che ha più che compensato i flussi netti negativi trimestrali (€ -93 milioni; € -272 milioni i deflussi del 2°trimestre 2012). Le gestioni patrimoniali, pari a € 6,4 miliardi, si pongono in crescita sia trimestre su trimestre (+3,3%) che anno su anno (+3,5%) con deflussi pari a circa € 51 milioni in calo rispetto al 2°trimestre 2012.

Le consistenze del risparmio amministrato, pari a € 77,6 miliardi, presentano un calo dell’8,1% sul 30/06/2012 (-8,3% sul 30/09/2011) da ricondurre, prevalentemente, all’operazione di annullamento di azioni proprie di clienti large corporate del Gruppo effettuata a luglio 2012.

A fine settembre 2012 i crediti verso la clientela del Gruppo si sono attestati a circa € 145 miliardi, mantenendosi sostanzialmente stabili sui livelli registrati al 30/06/2012 (+0,6% t/t). All’interno dell’aggregato i mutui, che incidono per € 74,6 miliardi, rappresentano la forma tecnica prevalente con nuove stipule nel 3°trimestre 2012 per circa € 651 milioni, in riduzione (- € 159 milioni) rispetto al trimestre precedente a conferma di una ridotta domanda di credito connessa al rallentamento del ciclo congiunturale e della selettività usata dal Gruppo nell’erogazione dei finanziamenti.

Relativamente al credito specializzato, nei primi nove mesi del 2012 MPS Capital Services ha erogato nuovi finanziamenti per circa € 980 milioni, in flessione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-38,3% a/a), con un contributo del 3°trimestre 2012 di circa € 313 milioni poco sopra i livelli registrati nel trimestre precedente (+0,5% t/t). Il flusso progressivo da inizio anno dello stipulato Leasing è risultato pari a circa € 681 milioni (-32,4% a/a) con un gettito del 3° trimestre di circa € 193 milioni in calo del 6,1% rispetto al 2°trimestre 2012. Il Turnover Factoring, superiore a € 5,8 miliardi, è risultato in flessione del 15,7% rispetto all’anno precedente (€ 1,7 miliardi il contributo del 3°trimestre 2012; -12,6% t/t). Sul fronte del credito al consumo, nei primi nove mesi dell’anno sono stati erogati finanziamenti per complessivi circa € 1,8 miliardi (-10% a/a) con un’incidenza del 3° trimestre di circa € 569 milioni (-5,8% t/t). All’interno dell’aggregato i Prestiti Personali si confermano il prodotto preponderante, seguito dalle money card e dal credito finalizzato.

A fine settembre 2012 il Gruppo ha registrato un’esposizione netta in termini di crediti deteriorati pari a circa € 17 miliardi, corrispondente all’11,99% degli impieghi complessivi verso clientela. Nel corso del trimestre i volumi dell’aggregato sono aumentati di € 1,4 miliardi a causa soprattutto dell’incremento degli incagli (+€ 781 milioni). In crescita anche i crediti a sofferenza (+€ 367 milioni) e le esposizioni scadute (+€ 254 milioni), quest’ultime tuttavia risultano in rallentamento rispetto al trimestre precedente (caratterizzato da una crescita di + € 307 milioni).

Il portafoglio titoli e derivati del Gruppo, riclassificato, è risultato pari a € 37,3 miliardi, in aumento di circa € 1 miliardo rispetto al 30/06/2012. Nel 3° trimestre l’aggregato ha beneficiato della ripresa di valore dei titoli valutati al fair value, in relazione alla riduzione dello spread Italia (che ha impattato prevalentemente sul portafoglio Titoli di Stato, classificati AFS). La componente HFT si è ridotta nel trimestre di circa € 180 milioni per disinvestimenti operati da MPS Capital Services, mentre sul comparto L&R il calo è riconducibile oltre alle vendite di alcune posizioni, anche a titoli giunti a scadenza naturale.

Al 30/09/2012 il Patrimonio di Vigilanza del Gruppo si è attestato a € 14.671 milioni, con un Tier 1 all’11,4% (11,1% al 31 dicembre 2011) ed un Total Capital Ratio al 15,4% (15,7% al 31 dicembre 2011).

Con riferimento ai segmenti operativi di natura commerciale del Gruppo Montepaschi, individuati sulla base del principio contabile IFRS 8, riportiamo i risultati della Direzione Commerciale, che al suo interno è articolata nei comparti Retail Banking e Corporate Banking:

Totale Direzione Commerciale

  • Ricavi: 4.188 milioni di euro (+13% a/a), con un contributo del 3° trimestre di circa 1.380 milioni di euro (+2,4% t/t).

  • Raccolta Diretta[1]: 98.535 milioni di euro in flessione sull’anno precedente (-4,4% a/a), ma in crescita rispetto al trimestre precedente (+2,8% t/t).

  • Crediti “vivi” verso clientela: 126.568 milioni di euro in calo sull’anno precedente (-6,3% a/a), ma si sono mantenuti sostanzialmente stabili su Giugno 2012 (-0,7%).

Al suo interno:

Direzione commerciale/Retail Banking

  • Ricavi: 2.533 milioni di euro (+8,9% a/a).

  • Raccolta Diretta[2]: 75.481 milioni di euro (-1,9% a/a; +0,7% t/t).

  • Crediti “vivi” vs clientela: 60.731 milioni di euro (-5,2% a/a; -0,6% t/t).

Direzione commerciale/Corporate Banking

  • Ricavi: 1.655 milioni di euro (+19,8% a/a).

  • Raccolta Diretta3: 23.054 milioni di euro (-11,6% a/a; +10,2% t/t).

  • Crediti “vivi” verso clientela: 65.837 milioni di euro (-7,3% a/a; -0,8% t/t).

Si segnalano inoltre i risultati delle principali società, già compresi nella totalità dei settori di attività (Direzione commerciale Retail & Corporate banking e Corporate Center), in conformità a quanto richiesto dal principio contabile IFRS 8.

Banca Antonveneta

  • Risultato operativo netto: pari a circa 107,8 milioni di euro.

  • Utile Netto di periodo ante PPA e impairment su avviamenti e ammortamento intangible: 62,9 milioni di euro. Considerando gli effetti netti della PPA e gli impairment, la perdita al 30/09/2012 ammonta a € -58,6 milioni di euro.

  • Raccolta Diretta Commerciale: -5,5% a/a, Crediti vs clientela: -0,2% a/a.

Consum.it:

  • Risultato Operativo Netto: 28,5 milioni di euro.

  • Utile (Perdita) Netto di periodo: 15,8 milioni di euro.

MPS Capital Services Banca per le Imprese:

  • Risultato Operativo Netto: 259,7 milioni di euro.

  • Utile Netto di periodo: 147,5 milioni di euro.

MPS Leasing & Factoring:

  • Risultato Operativo Netto: -1,5 milioni di euro.

  • Utile (Perdita) Netto di periodo: -7,7 milioni di euro.

Fatti di rilievo del terzo trimestre 2012

Eventi societari:

  • Disdetto l’accordo parasociale tra BMPS e l’azionista Spoleto-Credito e Servizi Società Cooperativa avente ad oggetto il 77,22% del capitale sociale di Banca Popolare di Spoleto;

  • A seguito della disdetta dal patto parasociale, BMPS ha trasmesso a Spoleto-Credito e Servizi Società Cooperativa la proposta definitiva di cessione della partecipazione detenuta in Banca Popolare di Spoleto e la proposta definitiva di cessione della partecipazione detenuta in Spoleto-Credito e Servizi, alle condizioni e nei termini previsti dal patto parasociale, e subordinatamente all’ottenimento delle autorizzazioni necessarie, ove applicabili.

Requisiti patrimoniali:

  • BMPS ha promosso nei confronti dei portatori di una selezionata lista di titoli Tier 1, Upper Tier 2 e Lower Tier 2 un’offerta di scambio con titoli senior di nuova emissione, da emettersi nell’ambito del proprio programma di emissione di titoli di debito. Il periodo dell’offerta è scaduto il 5 luglio 2012. A tale data sono stati portati in offerta titoli per complessivi 1.007.495.510, corrispondenti a una percentuale di adesione del 30,74%. In cambio sono stati offerti titoli senior di nuova emissione per complessivi 790.497.000, con tasso fisso del 7,25% e scadenza 10 luglio 2015.

Rating BMPS:

  • Standard & Poor’s ha rivisto al ribasso i rating di BMPS. In particolare ha ridotto lo Stand Alone Credit Profile (SACP) a ‘bb+’ da ‘bbb’e i rating a lungo e breve termine a‘BBB-’/‘A-3’ da ‘BBB’/‘A-2’, con outlook negativo.

Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura del trimestre

Di seguito si evidenziano i fatti più rilevanti intervenuti dopo la chiusura del trimestre.

Delega al CdA ad aumentare il capitale sociale e Modifiche allo statuto:

L’Assemblea straordinaria degli azionisti di Banca MPS, riunitasi in data 9 ottobre 2012, ha deliberato di attribuire la delega al CdA ad aumentare il capitale sociale, in una o più volte, anche in via scindibile, ai sensi degli articoli 2443 e 2441, comma 5, del Codice Civile, anche attraverso l’emissione di obbligazioni convertibili ai sensi dell’articolo 2420-ter del Codice Civile, per l’importo massimo complessivo di 1 miliardo di euro, il tutto in esclusione del diritto di opzione.

L’assemblea ha inoltre deliberato di modificare gli artt. 12, 13, 14, 16, 17 e 27 dello Statuto sociale. Le modifiche hanno riguardato le disposizioni relative alle autorizzazioni assembleari di atti gestori, la definizione delle materie rimesse alla competenza del CdA e l’individuazione, tra queste, di quelle che possono essere oggetto di delega ad altri organi sociali. Le soluzioni adottate si presentano coerenti rispetto ad un sistema di governo societario che, in linea con le indicazioni dell’Autorità di Vigilanza e secondo le migliori prassi diffuse nel mercato, assegna al CdA prevalenti funzioni di indirizzo e supervisione strategica, attribuendo in via ordinaria le funzioni di gestione corrente agli altri organi esecutivi.

Cessione di Biverbanca:

Il CdA di C.R.Asti ha deliberato di accettare la proposta di modifica e integrazioni al contratto di compravendita stipulato tra Banca C.R.Asti e Banca MPS in data 26/6/2012, avente ad oggetto il trasferimento a Banca C.R.Asti del 60,42% del capitale sociale di Biverbanca.

EBA:

L’Autorità Bancaria Europea (EBA) e la Banca d’Italia hanno annunciato il risultato finale dell’esercizio sul capitale e l’adempimento della Raccomandazione emanata dall’EBA nel Dicembre 2011. Per Banca MPS, esso ha evidenziato il seguente risultato:

Banca MPS registra al 30 giugno 2012 uno shortfall di capitale di 1.728 milioni di euro; gli interventi necessari ad assicurarne la copertura sono stati avviati con l’esplicito supporto dello Stato italiano. Nel calcolo dell’ammontare finale degli aiuti di Stato che verranno erogati, si debbono considerare la cessione di BiverBanca e la plusvalenza derivante dall’operazione di riacquisto di titoli subordinati, che essendo state avviate prima del 30 giugno 2012, ridurrebbero lo shortfall a circa 1.441 milioni di euro”.

Partnership CartaSi:

Banca MPS e CartaSi hanno sottoscritto un accordo di partnership industriale nel settore della monetica. L’accordo, il primo in Italia di questo genere, permette a Banca Mps di raggiungere uno degli obiettivi previsti dal piano industriale, in un’ottica di rafforzamento dei ricavi attraverso più servizi e maggiore efficienza operativa. L’accordo siglato consente a Banca MPS di potenziare ulteriormente la gamma di offerta di prodotti, in termini di innovazione e sicurezza e di migliorare, nel tempo, la qualità dei servizi alla propria clientela. Questo, sfruttando, inoltre, una piattaforma di emissione e accettazione tra le più evolute sul mercato. Banca MPS, a seguito dell’intesa, risulterà quindi il quarto operatore (con circa 3,3 milioni di plastiche) per numero di carte emesse sul mercato italiano. Il lancio della nuova offerta di carte di credito e dei nuovi servizi di accettazione di pagamento targati Banca Monte dei Paschi di Siena sarà realizzata entro il primo trimestre 2013.

In virtù dell’accordo stipulato, Banca MPS diventerà emittente diretto delle carte di pagamento distribuite e definirà le strategie di prodotto, marketing e distribuzione, avvalendosi delle attività operative in white label servicing affidate a CartaSi sia per l’issuing delle carte di credito che per l’acquiring delle carte di credito e debito internazionale.

@RIRPODUZIONE RISERVATA

Banca Monte dei Paschi: approvati i risultati al 30 settembre 2012. Perdite per 1.665 milioni ultima modifica: 2012-11-14T12:39:18+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: