Banca Popolare di Vicenza, 22 milioni di utile nel primo semestre

Banca Popolare di Vicenza LogoIl primo semestre si è chiuso con un utile netto di 22 milioni per la Banca Popolare di Vicenza. Per il direttore generale Samuele Sorato questi risultati “evidenziano un continuo miglioramento dell’attività caratteristica e un importante rafforzamento del nostro profilo di liquidità. Un buon risultato frutto della crescita costante della base di clientela, aumentata di oltre 40mila unità solo in quest’ultimo semestre e di oltre 400mila clienti dall’inizio della crisi economica”.

Più in dettaglio, i proventi operativi ammontano a 565,3 milioni di euro (+4,1% a/a), con il margine d’interesse a quota 260 milioni (+1,4% a/a, ma +13,1% al netto del contributo del portafoglio titoli), e le commissioni nette a 147 milioni (+8,7% a/a), beneficiando della crescita dei proventi connessi alla raccolta indiretta, all’attività di strutturazione di operazioni finanziarie (grazie all’avvio dell’operatività sui minibond) nonché a quelli riferibili ai conti correnti e ai servizi di incasso e pagamento. Risultato in calo invece per i portafogli di proprietà (111,5 milioni, -1,4% a/a), mentre crescono gli altri proventi netti (+28 mln/€, +5,3% a/a).

Gli oneri operativi sono pari invece a 331,8 milioni di euro (+0,9%a/a) e riflettono l’incremento delle spese per il personale (200,2 milioni, +1,2% a/a) mentre le altre spese amministrative totalizzano 113,6 milioni (-0,2% a/a). Il risultato della gestione operativa si attesta di conseguenza a 233,5 milioni di euro (+9,0% a/a), con il cost/income al 57,5%, in miglioramento di 1,4 pp sul 2013.

Infine le rettifiche di valore nette per deterioramento ammontano a 187 milioni di euro (-3,1% a/a) e si riferiscono, per 157,4 milioni, a crediti verso clientela (-16,0% a/a). In leggera flessione il costo del credito, che si attesta all’1,04% (1,24% al 30 giugno 2013).

Ratios patrimoniali ok dopo l’aumento di capitale

I crediti verso clientela ammontano a 30,1 miliardi di euro (- 2,7% sa inizio anno), con una flessione “pressoché interamente attribuibile alla contrazione dell’operatività con controparti centrali, in particolare dei pronti contro termine effettuati con la Cassa di Compensazione e Garanzia”. In effetti, al netto della suddetta operatività, gli impieghi evidenziano una dinamica positiva (+0,3% gli impieghi lordi), in controtendenza rispetto al dato medio del sistema creditizio italiano (-1,0 per cento).

Le sofferenze nette verso clientela ammontano a 1.712 mln/€, con un aumento in termini percentuali sul totale crediti netti di 0,62 punti, passando dal 5,07% di fine 2013 al 5,69% del 30 giugno 2014. La relativapercentuale di copertura si attesta al 48,69% (48,74% a fine 2013).

La raccolta diretta, pari a 29,2 miliardi di euro, è in flessione del 7,6% rispetto a dicembre 2013 per effetto della riduzione delle operazioni di pronti contro termine (-83,2% nel semestre); senza considerare questo dato, il calo è molto più contenuto (-1,2% nel semestre), riflettendo “sia la scelta del Gruppo di ridurre la componente più onerosa della raccolta, in particolare quella effettuata con società finanziarie e imprese, sia della tendenza della clientela a riposizionarsi su strumenti di risparmio gestito”.

Positivo invece l’andamento della raccolta indiretta, che si attesta a 19,7 miliardi di euro, in crescita del 3,4% sul 31 dicembre 2013 sostenuta dal positivo andamento del risparmio gestito (+32,6%) e previdenziale (+4,3 per cento).

Infine, per quanto attiene i ratios patrimoniali al 30 giugno 2014, il common equity tier 1 e il tier 1 si attestano entrambi all’8,55%, mentre il total capital ratio risulta pari al 10,21%; considerando però gli effetti dell’aumento di capitale di 607,8 milioni di euro della capogruppo, conclusosi lo scorso 8 agosto, i ratios patrimoniali “pro-forma” al 30 giugno 2014 si attesterebbero al 10,67% (common equity tier 1 e tier 1) e al 12,38% (total capital ratio).

Leggi il comunicato

Banca Popolare di Vicenza, 22 milioni di utile nel primo semestre ultima modifica: 2014-09-05T10:33:36+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: