Banche, appello della Fiaip ai parlamentari per vietare agli istituti di credito l’esercizio dell’attività di intermediazione immobiliare

Fiaip LogoLa Fiaip, Federazione italiana agenti immobiliari professionali, fa appello a tutte le forze politiche di maggioranza e opposizione affinché si possa introdurre nel disegno di legge di conversione del decreto legge 273/2016 il divieto per le banche di esercitare attraverso l’acquisizione di partecipazioni societarie, l’attività di intermediazione immobiliare.
Fiaip evidenzia come con il decreto legge n 237/2016 “Disposizioni urgenti per la tutela del risparmio nel settore creditizio”, varato dal governo a ridosso di Natale e ribattezzato “salva-banche” per le sue finalità, vi sia il rischio che gli aiuti di Stato possano essere destinati dalle banche beneficiarie alla promozione o all’incremento di attività che si pongono in concorrenza con operatori e imprese, a scapito della concorrenza e in contrasto con la funzione sociale propria delle banche.
“Invece di prevedere aiuti che possano garantire il sostegno pubblico e tutelare gli obbligazionisti della banca in difficoltà – scrive la Fiaip in una nota – il governo, con modalità assai contraddittorie, rischia di estendere a molti istituti di credito sussidi statali, con la possibilità di dare l’opportunità ad alcune realtà del credito di fare concorrenza sleale e danneggiare le imprese e chi lavora nel settore immobiliare”.
 
La proposta della Fiaip é mutuata dall’Omnibus Appropriations Act, firmato nel 2009 dall’ex presidente Usa Barack Obama che proibisce in modo permanente alle banche di entrare nel settore dell’intermediazione immobiliare per evitare concentrazioni anticoncorrenziali a scapito dei consumatori e per evitare rischi di conflitto di interesse nelle decisioni sui prestiti bancari.
 
“Se le banche godono  di aiuti di Stato, devono continuare a fare le banche e non possono mettersi a fare le agenzie immobiliari – ha sottolineato Paolo Righi, presidente nazionale Fiaip -. Oggi è necessario rafforzare la totale separazione tra il settore del credito e quello immobiliare, anche a fronte del circuito dell’erogazione del credito-patto marciano-agenzie immobiliari e dell’aumento del potere di pressione sui consumatori in ragione dei nuovi vantaggi economici che hanno gli stessi istituti di credito”.

Articoli che potrebbero interessarti:

Banche, appello della Fiaip ai parlamentari per vietare agli istituti di credito l’esercizio dell’attività di intermediazione immobiliare ultima modifica: 2017-01-25T10:44:13+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA