Banche, contratti d’investimento dichiarati nulli dalla Corte Appello Bologna

Banche 2Con le sentenze n. 1639/17 e 1659/17 la Corte d’appello di Bologna ha riformato nei giorni scorsi le decisioni con cui in primo grado erano state respinte le domande di risarcimento presentate da una famiglia di Bologna che aveva perso i propri investimenti in obbligazioni Lehman Brothers nei confronti della Cassa di Risparmio di Bologna, che aveva alienato i titoli.
La Corte d’Appello ha ravvisato la nullità dei contratti generali d’investimento per non essere gli stessi stati sottoscritti dal legale rappresentante dell’istituto, e condannato quest’ultimo al rimborso del prezzo, dedotto quanto percepito dalla vendita delle obbligazioni, oltre interessi e spese di lite.
Ma non è questo il solo motivo per cui la Corte felsinea ha riformato le due sentenze del Tribunale. Secondo quei giudici la banca non ha dimostrato di aver comunicato ai clienti che quei titoli erano speculativi e rischiosi, come pure di averli informati, nel corso del rapporto, della perdita di valore che gli stessi stavano avendo, così dal consentir loro di venderli e di ridurre le perdite.
Per l’avvocato Franchi dello studio Bdf, che unitamente all’avvocato Caccavo ha seguito le pratica, “queste sono sentenze importantissime, che dimostrano l’attenzione rivolta dalla Corte d’appello di Bologna alla tutela dei risparmiatori sotto ogni aspetto, questioni di forma incluse”.
“Questioni di forma, al pari di quelle relative alla mancata comunicazione delle continue perdite di valore che le stesse stavano avendo – sottolinea l’avvocato Di Brindisi di Ferrara – che vengono costantemente in considerazione anche per le azioni delle quattro banche finite in default, ossia Carichieti, Banca Etruria, Banca Popolare di Ancona e soprattutto Cassa di Risparmio di Ferrara, per i possessori delle quali lo studio Bdf sta depositando diversi ricorsi, analoghi a quelli su cui si è pronunciata la Corte d’appello di Bologna”.
Banche, contratti d’investimento dichiarati nulli dalla Corte Appello Bologna ultima modifica: 2017-07-19T12:53:43+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: