Banche Ue: dodici istituti indagati per alterazioni dell’Euribor

Le autorità dell’Unione europea hanno avviato indagini su una dozzina di banche per presunte manipolazioni dell’Euribor, il principale tasso di riferimento del mercato interbancario. A dare la notizia è stato il Wall Street Journal: secondo il quotidiano tra gli istituti coinvolti ci sarebbero Credit Agricole, SocGen, Hsbc e Deutsche Bank, accusate di aver agito in collaborazione con Barclays, la banca britannica già finita nell’occhio del ciclone per le alterazioni illecite del Libor, il tasso di riferimento interbancario del Regno Unito.

Nel riportare la notizia il giornale finanziario ha citato un documento messo a disposizione dalle autorità americane nel quale si legge uno scambio di mail fra due dipendenti della Barclays. Nell’ottobre del 2006 un trader scrisse al suo collega responsabile di comunicare i dati alla Ebf, la European banking federation (l’organismo che fissa giornalmente l’Euribor), e riferendosi al tasso interbancario chiese: “Vorrei che fosse molto, molto, molto alto… Puoi essermi di aiuto?”. Una richiesta cui il collega rispose: “Cerchiamo sempre di fare del nostro meglio per essere di aiuto”.

In base a quanto si legge sul Wsj, oltre a procedere nell’inchiesta sulle violazioni compiute in passato, l’Ue starebbe valutando la possibilità di sottrarre alla Ebf la responsabilità di fissare l’Euribor, come accadrà a breve alla British banker’s association, alla quale la Financial services authority (una sorta di Consob britannica) toglierà la possibilità di determinare il livello del Libor.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Banche Ue: dodici istituti indagati per alterazioni dell’Euribor ultima modifica: 2012-12-11T10:45:47+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: