Banco Bpm, approvate le linee guida del nuovo modello di rete commerciale

Banco Bpm LogoA soli nove mesi dalla fusione e dopo aver portato a termine la migrazione informatica, Banco Bpm procede con un ulteriore passo nell’attuazione del piano strategico varando un nuovo modello di rete commerciale basato sulla centralità del cliente e sul rafforzamento del presidio sul territorio.

Il consiglio di amministrazione, riunitosi a Bergamo, ha approvato le linee guida del nuovo modello di rete commerciale unico, che entreranno in vigore dal prossimo primo gennaio 2018 e che riguarderanno l’intera rete del gruppo.

Le linee guida, spiega una nota, prevedono un riassetto del retail attraverso un nuovo modello organizzativo composto da 8 direzioni territoriali che copriranno i territori di radicamento del gruppo. Tali direzioni avranno il ruolo di coordinamento e supporto commerciale di circa 45 aree retail, da ognuna della quali dipenderanno circa 50 filiali al fine di garantire maggior vicinanza e velocità di risposta al cliente.

Il nuovo modello prevede anche la riorganizzazione del corporate che sarà dedicato alle imprese con un fatturato superiore ai 75 milioni di euro. Questa struttura organizzativa avrà due articolazioni di business, corporate e large corporate, con un forte presidio delle principali aree prodotto relative ai comparti origination, finanza strutturata, estero e trade finance e si articolerà in 5 mercati e 18 centri corporate.

Banco Bpm conferma così la volontà di proseguire la sua attività in piena coerenza con il piano strategico che ha tra i suoi obiettivi la centralità del cliente, la prossimità territoriale, l’aumento del livello di servizio tramite un’offerta specializzata e un modello distributivo sempre più omnicanale e che mira a garantire, anche attraverso la semplificazione dei processi, una maggiore celerità decisionale in favore del cliente.

Banco Bpm, approvate le linee guida del nuovo modello di rete commerciale ultima modifica: 2017-10-19T12:37:03+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: