Bank of England, board ancora spaccato sull’aumento dei tassi

Bank of England

La sede della Bank of England

Continua a essere spaccato il board della Bank of England. Da quanto emerge dai verbali dell’ultima riunione del Comitato di politica monetaria, i due membri Martin Weale e Ian McCafferty hanno votato per la quarta volta consecutiva contro il mantenimento del bank rate allo 0,5% e inoltre sono emerse opinioni contrastanti in seno alla maggioranza sui rischi per l’economia nazionale. Alcuni funzionari della Old Lady di Theadneedle Street sono preoccupati per il rischio di un superamento del target di inflazione nel caso in cui il tasso di disoccupazione continui a scendere.

Nella riunione del 5-6 novembre il board aveva stabilito di mantenere il bank rate stabile allo 0,5% e il programma di quantitative easing a 365 miliardi di sterline, una decisione  presa con 7 voti favorevoli e 2 contrari.

Tra i sette membri della maggioranza è emersa, si legge nelle minute, “un’effettiva differenza di visioni sull’equilibrio dei rischi sull’outlook”, con alcuni policy maker preoccupati che la crescita possa stallare e altri invece timorosi che il calo della disoccupazione possa rapidamente eliminare la capacita’ inutilizzata sul mercato del lavoro che di solito mantiene a freno l’inflazione. I singoli esponenti della BoE hanno “assegnato differenti probabilità a questi rischi”.

Nel caso in cui l’economia dovesse continuare a crescere a ritmo sostenuto, il consenso sul mantenimento di tassi di interesse stabili potrebbe dunque indebolirsi. Molti investitori si aspettano che la BoE aumenti il bank rate nella seconda metà del prossimo anno.

Infine la banca centrale del Regno Unito ha infine segnalato che le stime di inflazione non torneranno al 2% prima del 2017.

Bank of England, board ancora spaccato sull’aumento dei tassi ultima modifica: 2014-11-20T13:47:44+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: