Barclays, il ceo Jes Staley sotto inchiesta

Barclays LogoBarclays e il suo ceo, Jes Staley, sono stati posti sotto indagine dalla Financial Conduct Authority, l’autorità finanziaria di controllo britannica, e dalla Prudential Regulation Authority per aver tentato di scoprire l’identità di un whistleblower all’interno del gruppo bancario.

L’indagine mira a chiarire le ragioni per cui Staley avrebbe violato il programma sulle denunce interne della banca, cercando di scoprire una “talpa”, ossia l’autore di una lettera di denuncia del 2016 sulle attività dell’istituto.

Staley ha presentato le proprie scuse, sottolinenando di non essere a conoscenza delle norme che non gli permettevano di scoprire l’autore della denuncia, il nome del quale non è stato rivelato. La Fca sta indagando anche sulle responsabilità della banca legate al tentativo di Staley di identificare l’autore della lettera.

L’istituto ha reso noto di essere venuto a conoscenza del caso all’inizio di quest’anno e di aver accettato le spiegazioni di Staley. I vertici della banca si sono dichiarati pronti a cooperare con le autorità. Lo statuto di Braclays prevede che l’identità di chi denuncia presunti misfatti o attività sospette debba restare nascosta, soprattutto quando agisce spontaneamente ed esponendosi pubblicamente.

Barclays, il ceo Jes Staley sotto inchiesta ultima modifica: 2017-04-10T18:37:03+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA