Barclays sospende la gestione delle proteste da parte della clientela sulle polizze CPI in attesa delle nuove regole da parte della FSA

Barclays, così come altre banche ha deciso di “congelare” tutti i ricorsi della clientela sulle polizze CPI che potrebbero ricadere nella imminente regolamentazione da parte della Financial Services Authority.

Un portavoce di Barclays, sostiene: “Tutte le lettere da parte dei clienti sulle polizze CPI saranno esaminate, ma ogni volta che potrebbero ricadere nella nuova regolamentazione e quindi non possono trovare una risposta oggi, scriviamo ai clienti per informarli. Tutte le altre proteste sulle CPI sono invece valutate come al solito”.

Recentemente anche Lloyds Banking Group ha annunciato che i clienti possono continuare  a inviare lamentele alla banca, ma che nessuna decisone verrà presa finché non ci sarà chiarezza nella regolamentazione.

Questo atteggiamento delle banche inglesi è causa del fatto che recentemente l’FSA ha pubblicato una lettera aperta al settore consigliando gli operatori di valutare ogni singola “denuncia” da parte dei clienti sulla vendita delle polizze CPI in base ai parametri posti dal FSA nel modo di fare business. Questo potrebbe portare che oltre 2,5 milioni di clienti potrebbero essere risarciti per oltre £ 2,7 miliardi.

Questo atteggiamento dell’FSA è dovuto al fatto che negli ultimi cinque anni ci sono stati più di un milione di proteste da parte dei clienti sulle polizze CPI. Solo fra il 2009 e il 2010 le associazioni dei consumatori hanno ricevuto 49.196 lettere di protesta.

La British Bankers Association sostiene che l’FSA deve fare urgentemente chiarezza su questo punto altrimenti si potrebbero colpire anche altri prodotti finanziari. L’FSA ha dichiarato che a breve farà sapere le nuove regole di comportamento sulla vendita delle polizze CPI.

Barclays sospende la gestione delle proteste da parte della clientela sulle polizze CPI in attesa delle nuove regole da parte della FSA ultima modifica: 2010-10-17T16:40:31+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: