Barometro Crif: nei primi 10 mesi dell’anno cresce dell’1,6% la domanda di finanziamenti da parte delle imprese

Nonostante il protrarsi dell’incertezza riguardo i tempi e la consistenza della ripresa economica, nel corso del 2012 le imprese italiane non hanno smesso di rivolgersi al sistema bancario per chiedere crediti per finanziare i propri investimenti o sostenere a loro oridnaria attività. Il Barometro del Crif sulla domanda di credito delle imprese mostra che nei primi 10 mesi dell’anno si è registrato un consolidamento delle richieste, tanto che il numero di domande di finanziamenti ha fatto segnare un complessivo più 1,6%, ponderato a parità di giorni lavorativi, rispetto al corrispondente periodo del 2011. Se poi si confronta il dato del 2012 con gli anni precedenti, la crescita del numero di domande appare ancora più consistente, facendo registrare addirittura un emblematico +24% rispetto ai primi 10 mesi del 2008, quando la crisi economica di fatto non aveva ancora fatto sentire i propri effetti.

Domanda di credito delle imprese (numero di richieste) a Gennaio-Ottobre 2012 a parità di giorni lavorativi

DOMANDA DI CREDITO DELLE IMPRESE (numero di richieste)- a parità di giorni lavorativi

Var. % primi 10 mesi 2012 su pari periodo 2011

Var. % primi 10 mesi 2012 su pari periodo 2010   

Var. % primi 10 mesi 2012 su pari periodo 2009

Var. % primi 10 mesi 2002 su pari periodo 2008

Gennaio-Ottobre

+1,6%

+4%

+5%

+24%

Fonte: EURISC – Il Sistema Crif di Informazioni Creditizie

“La crisi ancora irrisolta e le deboli prospettive di crescita dell’economia nazionale anche per i prossimi mesi hanno contribuito ad accelerare il processo di riposizionamento delle imprese italiane, già messe a dura prova dalle difficoltà occorse a partire dalla fine del 2008 – ha commentato Simone Capecchi, direttore sales & marketing del Crif -. La fragilità della domanda interna, però, si riflette sulla continua erosione della redditività delle imprese e sulla loro capacità di autofinanziamento. Per questa ragione le imprese hanno mantenuto elevata l’esigenza di credito anche in questa fase di congiuntura negativa”.

Entrando nel dettaglio, il singolo mese di ottobre appena concluso ha fatto segnare un +9% rispetto al corrispondente mese 2011.

Queste evidenze emergono dal Barometro Crif sulla domanda di credito da parte delle imprese italiane, elaborato sulla base del patrimonio informativo di Eurisc, il Sistema di Informazioni Creditizie di Crifche raccoglie i dati relativi a oltre 8 milioni di posizioni creditizie attribuite a utenti business.

Analizzando la domanda di credito da parte delle imprese in funzione dell’importo, dal Barometro Crif emerge che nei primi 10 mesi dell’anno in corso il 32,4% delle richieste si è concentrato nella fascia sotto i 5.000 euro (nei primi 10 mesi 2011 in questa classe si collocava il 37,2% delle richieste), seguita da quelle comprese tra 20 e 50.000 euro (21,3% del totale, erano pari al 19,7% nei primi 10 mesi del 2011) e da quelle oltre i 50.000 euro (17,9% sia nel 2012 che nel 2011). In generale, quindi, rispetto al 2011 si è concretizzato uno spostamento delle richieste verso le fasce di importo maggiore a scapito, in particolare, della classe fino a 5.000 euro.

Primi 10 mesi 2012

Primi 10 mesi 2011

Fino a 5.000 €

32,4%

37,2%

Da 5 a 10.000 €

10,7%

9,1%

Da 10 a 20.000 €

17,7%

16,1%

Da 20 a 50.000 €

21,3%

19,7%

Oltre 50.000 €

17,9%

17,9%

Fonte: EURISC – Il Sistema Crif di Informazioni Creditizie

Relativamente all’importo medio dei finanziamenti complessivamente richiesti, il dato relativo ai primi 10 mesi del 2012 mette in evidenza una ulteriore crescita che lo porta ad assestarsi a 56.750 euro contro i 55.675 euro del pari periodo 2011.

Entrando maggiormente nel dettaglio, l’importo medio dei finanziamenti richiesti dalle ditte individuali è stato pari a 31.242 euro contro una media di 74.737 euro richiesti dalle società.

“Le difficoltà di dialogo con il mondo bancario rappresentano un fattore critico con il quale spesso le imprese italiane si trovano a confrontarsi, specie per quelle di piccole dimensioni, tradizionalmente sottocapitalizzate, caratterizzate da una minore disponibilità di risorse da investire nello sviluppo e maggiore difficoltà nel valorizzare le proprie eccellenze – ha aggiunto Capecchi -. D’altro canto, la dinamica positiva che stiamo rilevando a livello di domanda di credito si scontra con gli avvenimenti che hanno caratterizzato in particolare questo ultimo anno e che hanno prodotto, di riflesso, politiche creditizie maggiormente prudenti da parte degli Istituti, con la crescita del rischio Paese che ha generato un aumento rilevante del costo della provvista e una inevitabile maggiore selettività sul fronte degli impieghi, valutati anche in funzione del merito creditizio del richiedente”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Barometro Crif: nei primi 10 mesi dell’anno cresce dell’1,6% la domanda di finanziamenti da parte delle imprese ultima modifica: 2012-11-08T18:31:05+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: