Basilea 2, l’intervento del vice direttore generale di Bankitalia

nella sua audizione alla commissione finanze della Camera dei deputati lo scorso 11 marzo.

Il suo intervento ha riguardato le problematiche relative all’applicazione dell’accordo di Basilea 2, che ha introdotto requisiti più severi a fronte delle esposizioni del portafoglio di trading, delle ri-cartolarizzazioni e delle linee di liquidità concesse in connessione con operazioni di cartolarizzazione. Carosio si è soffermato sul leverage ratio, sulle le misure contro la prociclicità del capitale e sui buffer anticiclici. Ha poi analizzato l’impatto delle nuove misure sulle banche italiane e ha sottolineato che “le nuove regole, che dovrebbero entrare in vigore alla fine del 2012 e non prima del pieno consolidamento della ripresa economica, saranno introdotte con la necessaria gradualità, anche attraverso la previsione di disposizioni transitorie, al fine di dare agli intermediari il tempo di adeguarsi e di non ostacolare il superamento della crisi”.

Infine ha concluso affermando che la sfida principale è rappresentata dell’ assicurare il recepimento omogeneo delle nuove regole in giurisdizioni molto diverse tra loro. “Buone regole non sono sufficienti se non sono applicate in modo adeguato e con fermezza – ha dichiarato il vice direttore genelare -. Affinché i benefici della revisione in atto possano effettivamente concretizzarsi, è dunque fondamentale definire, almeno in Europa, criteri condivisi per l’enforcement degli standard comuni”.

Leggi l’intero intervento

Basilea 2, l’intervento del vice direttore generale di Bankitalia ultima modifica: 2010-03-15T10:20:38+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: