Bcc Roma, assemblea dei soci approva il bilancio 2019. Utile netto in crescita del 15%

Bcc Roma LogoLa Bcc Roma, prima banca di credito cooperativo in Italia con 189 agenzie e 20 tesorerie, che venerdì 12 giugno ha tenuto l’assemblea dei soci per l’approvazione del bilancio, ha chiuso il 2019 con un utile di oltre 26 milioni di euro, in forte crescita (+15%) rispetto all’anno precedente.

Gli impieghi, che hanno raggiunto gli 8 miliardi di euro, sono cresciuti del 4,7% rispetto al 2018 e del 96% negli ultimi dieci anni; la raccolta totale, pari a 11,8 miliardi di euro, è aumentata dell’1,6%; il risparmio gestito, pari a 1,5 miliardi di euro, del 19%.

Una crescita confermata anche dai dati relativi al patrimonio, dove i Fondi propri sono stati pari a 780,2 milioni di euro (+7,3%) e il CET1 e Total Capital Ratio entrambi al 15% (+5,6%) ben superiori ai requisiti minimi richiesti.

La Bcc Roma si è inoltre subito attivata per fronteggiare l’emergenza legata alla diffusione del Covid-19. Alla data dell’11 giugno scorso sono state erogate 6206 pratiche per finanziamenti fino a 25mila euro, per un importo di 128 milioni di euro, e altre 1500 sono state già deliberate o sono in lavorazione per ulteriori 31 milioni. Il tasso nominale annuo lordo è pari a 1,30% (taeg 1,40%) per i clienti e 1,20% per i soci della banca, ben al di sotto del tasso soglia regolato dal Decreto Liquidità. 

Le pratiche erogate per importi superiori ai 25 mila euro sono state 102, per circa 40 milioni e altre 224 sono state deliberate per 169 milioni di euro; oltre 700 sono in lavorazione per altri 350 milioni di euro.

La banca è intervenuta anche sul piano solidaristico, erogando 370mila euro a favore delle strutture sanitarie nei territori di riferimento e lanciando una raccolta fondi a favore del sistema sanitario, nell’ambito dell’iniziativa promossa da Federcasse “#Terapie intensive contro il virus. Le Bcc e le Cr ci sono”, in collaborazione con i gruppi bancari cooperativi italiani.

“Anche quest’anno annunciamo risultati particolarmente positivi, che testimoniano ancora una volta la nostra attenzione ai conti, la qualità nella gestione del credito e degli assetti patrimoniali – ha affermato il presidente Liberati, intervenuto durante l’assemblea -. Questo ci ha consentito di non far mancare mai il nostro sostegno a famiglie e imprese, anche nei momenti più difficili della crisi iniziata nel 2009, di effettuare 5 salvataggi di bcc in difficoltà negli ultimi 5 anni, e oggi ci sta permettendo di affrontare meglio la situazione delicatissima che stiamo vivendo. In base all’andamento del primo semestre e alle ulteriori aspettative, le previsioni a fine anno, tenuto conto della stasi economica generale dovuta all’effetto Covid, indicano comunque l’ulteriore crescita di raccolta e impieghi, e un margine economico a fine anno inferiore alle previsioni di budget ma, comunque, soddisfacente, tenuto conto dell’impegno straordinario per la clientela e il territorio. Sin dall’inizio dell’emergenza in linea con la nostra natura di Banca del territorio, da sempre attenta alle esigenze delle comunità di appartenenza, ci siamo adoperati per affrontare questa terribile situazione: lo abbiamo fatto sia sul piano solidaristico sia su quello creditizio, erogando, prima ancora degli interventi governativi, linee di credito agevolate. E ora ci stiamo impegnando nel dare la più concreta e veloce attuazione a tutte le iniziative decise dal Governo, per supportare al meglio i nostri clienti. L’attenzione al territorio è una prerogativa della nostra Banca. Lo dimostra l’impegno sul piano sociale e assistenziale, che anche lo scorso anno ha visto l’erogazione di circa 2 milioni di euro, a supporto di oltre 2.000 iniziative promosse dalla società civile delle comunità dove siamo presenti”.