BCE: Draghi taglia ancora i tassi d’interesse. Dall’1,25% si passa all’1%

Il governatore della Banca centrale Europea (BCE) Mario Draghi ha annunciato un nuovo taglio dei tassi di interesse che dall’1,25% scendono all’1%. Un provvedimento che fa seguito alla prima diminuzione dei tassi disposta da Draghi pochi giorni dopo l’insediamento all’Euro Tower, a Francoforte.

Il tasso, oggi, ha raggiunto il livello più basso da maggio 2009; con il nuovo taglio la BCE ha disposto i seguenti provvedimenti:

  • il tasso minimo di offerta sulle operazioni di rifinanziamento principali dell’Eurosistema è dimunuito di 25 punti base, all’1,00%, a decorrere dall’operazione con regolamento il 14 dicembre 2011;
  • il tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento marginale è sceso all’1,75%%;
  • il tasso di interesse sui depositi presso la banca centrale è sceso allo 0,25%.

Come dichiarato da Draghi, sul nuovo taglio dei tassi “ci sono state opinioni divergenti, non sulla sostanza ma sulla scelta di tempo: non è stata una scelta unanime ma a maggioranza”. Il governatore non ha escluso nuovi: “Non forniamo impegni preventivi in merito – ha dichiarato –. Il Consiglio ha deciso misure non standard per assicurare e potenziare l’accesso delle banche alla liquidità”.

BCE: Draghi taglia ancora i tassi d’interesse. Dall’1,25% si passa all’1% ultima modifica: 2011-12-12T09:42:31+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: